Camerieri



— Leggi il Primo Capitolo–

— Leggi il Secondo Capitolo–

— Leggi la puntata precedente–

— Read in English —



La lettera

L’unica soluzione si chiama verità e ha un nome: M.

Non c’è tempo da perdere, l’ha vista entrare dentro l’hotel di corsa, con la sua borsa grigia. Sembrava spaventata, ma forse si è ancora in tempo per fermare tutta questa follia.

Un valzer caotico

Al piano terra si susseguono in un valzer caotico facce di camerieri, uomini con paglietta e donne dall’aria signorile. Dopotutto, è un albergo di quelli dove si va per avere nell’armadio delle pantofole bianche morbide e delle ciabattine da piscina. Non bisogna portarsi dietro nient’altro che i propri soldi.

Fuga dalla metropoli

Posti come questo brulicano nel mondo fuori dalla metropoli, farciti proprio di persone che scappano dalla città. Cittadini che decidono di distrarsi dall’aria inquinata e dalla natura distrutta della città andando ad inquinare e distruggere l’aria e la natura di queste parti. Ma si, qualche albero in meno, l’acqua del mare un po’ più grigiastra, ma come dire di no ad una bella piscina in mezzo al nulla?

Camerieri, tanti camerieri

Per questo motivo la sala è gremita di camerieri, che saltellano su un piede e sull’altro sorreggendo pesanti vassoi di metallo. Anatre all’arancia, frutta esotica e grappa di anime. Il tutto si sussegue senza fine, come un ottovolante di cibo. Sarebbe notevole fare uno sgambetto a questa signora dalla pelliccia scura. Sarebbe magnifico anche solo per vedere come rotola a terra, ma immaginate poi come cadrebbero tutti gli altri in fila, un domino umano di cui parlerebbero i giornali!

Ecco M.!

Un momento, eccola là, riconosco le scarpe rosse. S. non l’ha ancora vista, ma come fa? E’ proprio lì, accanto a quel signore dalle orecchie tonde. Apparentemente bisogna essere un paio di scarpe per non farsi distrarre da questo randez- vouz di cibo e vassoi. Niente, sembra proprio non vederla, ma lei vede lui. Si, protetta dall’ombra di una pianta di plastica è come congelata. Lo guarda e sembra pensare.

Meglio andare o restare?

Ma non è una canzone rock, è una domanda genuina. E arriva pronta una risposta che io stesso posso sentire.

Non è di lui che devi aver paura, ma di quell’uomo che è entrato ora in camera tua. Lui può essere la tua soluzione

Quella voce

La voce sembra avere il potere di calmarla e ne ha davvero bisogno. Appena sveglia ha dovuto saltare dalla finestra, la sua camera invasa da uno strano individuo. Cos’altro potrà mai succedere oggi? Seguirà il consiglio della voce, ma lo farà a modo suo. Eccola, estrae una penna e inizia a scrivere veloce su un pezzo di carta.

Un cameriere libero!

Camerieri_waiters

Un cameriere senza vassoio è difficile da trovare, ma eccone uno. Via, fermalo!

Salve, è libero?

Veramente starei andando a prendere…

Bene, è libero. Senta, lo vede quell’uomo dai baffetti a punta, là in mezzo alla sala?

s-Si

Benissimo. Prenda questo foglio di carta e lo dia personalmente nelle sue mani. Questi sono per lei

E due banconote colorate cadono leggere nella mano del cameriere, regalandogli un sorriso.

g-Grazie

Ma non c’è più nessuno da ringraziare, M. è già folla, parte del chiacchiericcio, del viavai, dell’ordine in camera delle cose.

Dunque ecco il cameriere dall’andatura spedita taglia in due la catena di montaggio degli ordini in camera per venirci incontro.

Salve. Ho un messaggio per lei

Sorpresa!

La faccia stupita di S. è fenomenale. Tutto preso com’era dalla ricerca della dottoressa, si è completamente lasciato sorprendere dall’arrivo di questo cameriere dall’aria sicura. Prende la lettera dalle mani ruvide del cameriere, che è già tornato alla sua catena. S. non ha più una catena, è un cane sciolto. Fa due passi, si appoggia al bancone e legge la lettera.

Io e lei ci siamo già conosciuti. Lei è un venditore di anime. Ciò che le interessa è un’anima bianca, che porto con me. Non le chiedo perché, ma solamente di proteggermi e così facendo di proteggere l’anima. Io devo raggiungere il Pozzo delle Anime. Mi aiuti a farlo e le prometto di restituirle l’anima. Si appunti una rosa bianca alla giacca se è intenzionato ad aiutarmi, io la vedrò e capirò

Spero un giorno di poterci vedere in circostanze normali.

A presto,

M.

Una rosa bianca!

S. straccia la lettera, buttandola in un cestino sotto il bancone. Va dritto al primo tavolo disponibile. Una coppia anziana siede silenziosa giocando a carte e al centro del tavolo sta un vaso con dei fiori incolore e inodore. Quello l’hanno perso tanto tempo fa, quei fiori. Lasciati viaggiare dentro un frigorifero come fossero bistecche. Si avvicina e leva una rosa bianca dal vaso.

Ma cosa fa?

La signora anziana sembra disgustata da quell’azione tanto vile. Strappare via un fiore così, senza batter ciglio. E per di più in un tavolo che non è il suo! Suo marito ne approfitta per guardarle le carte.

Presto!

S. non si cura della signora urlante e del marito che bara sotto i suoi occhi, ma spezza veloce il gambo del fiore per appuntarlo alla giacca. Giusto in tempo, perché alla porta spunta una figura alta, grossa, con un cappello calato sugli occhi. La signora continua con le sue lamentele, ma i passi si muovono già via da quel tavolo. Via da quelle carte, dalla catena, poi via fuori dalla porta, nella campagna. Senza piscine, senza eserciti di camerieri. Dove ancora cantano gli alberi.



La storia avrà pubblicazione a cadenza settimanale. Tutti i diritti sulla storia sono riservati da Flyingstories.org e nella persona di Daniele Frau.

Tutte le grafiche sono eseguite a mano e in stili misti dall’artista Gabriele Manca, DMQ productions, che detiene i diritti sulle opere.

Lascia un commento

Your email address will not be published.