Tag Archive dmq productions

Umano_Human the restaurant

Human

— Read the First Chapter —

— Read the Second Chapter —

— Read the previous part —

— Read in Italian —

The restaurant

Real… food?

Between a table and another you can count three steps. All squared tables are wooden, with a small tablecloth. On top of each table stands a small dusty plastic plant. Two steps more and S. cuts the breath in two with wrinkled lips aghast, horrified by that human noise.

All around him, the feet wearing dirty trainers move between tables, while mouths are passing from one conversation to the other so fast and smooth that you cannot understand a single word anymore. This is a human soup with not so much meat but really tasty juice. Spicy conversations are carried out by yellow teeth due to too much coffees and house wines.

Tracks

Everyone shows shadows of smiles through the wrinkles of their faces. Their real human faces, I mean. When a human dies you can open up its face and read more than if he or she wrote it in a personal diary. For instance, imagine one of those that always forget how to smile. In this case, their face will show weak facial muscles all around the mouth. At the opposite, whom always corrugates his forehead will leave tonic muscles for a curious forensic. Wrinkles are rivers, invisible roads, natural passages to reach our passions.

A brand new world

And again red faces, ruddy cheeks, neckline sparkling with sweat and tattooed arms speaking as they were singing, moving their backs over Cain and Abel style chairs. Too much, for whom since yesterday was walking over waxed white Asian soundproofed floors.

  Addio piccolo Cherubino. Come cangia in un punto il tuo destino!

A crazy day

Yes, it really seems to be a follee journèe, a crazy day. Started in a metro wagon, to be continued outside the shadows of building, in another train a bit more noisy than the first one. Along with that, now, a place illuminated by the sun. The kind of place, the countryside, that comes to mind to citizens of the metropolis only when smog clouds start being an unbreathable mask for them. Then there were two steps out of the train and out, at the train station.

Central Station T.

Cherubino alla vittoria! Alla gloria militar!

The battle for survival definitely started. One last step toward the trench, the human contact. This is the real human contact, the one that only the bipeds equipped with nose and opposable thumb are able to do. Words.

Hi

A whisper, audible only by three flies scratching their heads and waiting to attack a breadcrumb on the table close- by.

Hi

Repeat (this time stronger) S. attracting the attention of the innkeeper and scaring the three insects. A warty- nose man without an ear replies with a deep voice

Uh

Which, given the situation, is still something. The steps back up nearly falling down. I’m a pair of shoes at the mercy of two insecure feet.

Could I please have a table?

The voice now is a bit more confident, the eyebrow raised in the commanding style. The communicative effort is impressive. You can see the answer coming from a slow process in the primitive brain of the one- ear man.

Uh

Thus plus a nod seem to indicate a small round table. A different one, not squared as all the others in the busy noisy restaurant.

Yes, a brand new world

Right, it’s not even close to the white Asian material we were used to, but in the end you can see the innkeeper made an effort to give S. the best option available. On the table the classic plastic plant and a coconut- shaped ashtray. The glance of the man of tomorrow, seated in the middle of the buzz, seems to get lost. It jumps from one conversation to the other, roaming from mouths full of food to hand moving.

Who ordered?

 Even though I didn’t listen to him ordering any food, a steaming dish appears from nowhere. Maybe he ordered in a silent way. One of those human way of saying

Do as you wish

Sometimes with just one look they solve all useless questions. After all, the hunger is knocking louder at the stomach’s walls, so this steaming dish is the only answer available.

The left leg start moving again, showing nervousness in the mute language of the lower limb. The effect is immediate: I feel myself as having an endless hiccup.

Hi there

Umano_Human the restaurant
Human food

And as all the hiccup, this one needs to get  scared to stop. A gentleman with fuchsia socks and neat nails looks S. from a near table. He’s waiting for a reaction.

S. Say what?

You cannot really say if he’s introducing himself or just stammering.

Can I join you?

S. Certainly

No, probably is more likely a stammer than an introduction

Are you feel ok? Comfortable?

The voice is deep, as coming to the surface of the world with a rotten wood bucket and a rusty pulley.

Yes, yes. Why are you asking?

I don’t know, you have a face…

Oh, you have a face as well

You’re right. But it seems to me that you face specifically saw better times

The noise of conversations, the clutter of dishes and cutlery, cheers and crying of children make all this conversation a bit surreal.

The truth is that for me this is a strange world. I’m an alien, here. I come from the metropolis

Oh, I guessed that

I’m S., I’m a dealer of souls

Why?

I don’t really know anymore…

No, I mean, my name is Y.

Oh, I’m so sorry, I thought… Anyways, what is your job?

Let’s say I’m a mediator

Oh, a mediator between whom?

Between what you already know and what you want to know

Mmm a dealer of lamps and nose, I would say

Ah, ah. Yes, let’s say only noses. I leave the lamps to you

You’re not from here as well, then

No, I came here escaping from the noise, but now I’m craving for it

That’s interesting

No defences, anymore

This entire conversation, this chatting, has almost destroyed the last defence of my pointy- moustache man. In all this chaos, who can be such a distinguished gentleman, but at the same time with such a grim?

Oh, right. It was so clear all the way. Keen eye, jaw clenching and a big fist. He’s a policeman or a tracker for sure.

And then, suddenly he stands up leaving a business card on the table.

If you need me, you know where to find me. Enjoy your meal

And before S. can say something, he’s gone. An invisible shadow passing through the tables and leaving.

And the dish on the table is not steaming anymore.

— The next week… Love…Run! —

This story will be published once per week only, with all rights reserved for the story and its translations by Flyingstories.org and in the person of Daniele Frau.

All the graphics are handmade and designed with different techniques by Gabriele Manca, DMQ productions, who reserves all rights. 

All English articles published in Souls (alive) proofread by Elisabeth Corcoran

Umano_Human the restaurant

Umano

— Leggi il Primo Capitolo–

— Leggi il Secondo Capitolo–

— Leggi la puntata precedente–

— Read in English —

Il ristorante

Cibo vero?

Tra un tavolo e l’altro si possono contare tre passi. Ogni tavolo è di legno, quadrato e con una piccola tovaglietta e una piantina di plastica coperta da un sottile strato di polvere. Due passi e S. taglia il fiato a metà con le labbra arricciate, inorridito da tanto rumore umano. Piedi calzati da scarpe da ginnastica sporche di terra invadono la sala muovendosi tra i tavoli, mentre le bocche intessono conversazioni disciolte le une nelle altre fino a non distinguersi più l’una dall’altra. Un brodo umano fatto di poca pasta e tanto sapore. Discussioni accese, denti ingialliti dai troppi caffè e dalle coppe di vino della casa.

Tracce

Tutti con un sorriso tracciato tra le rughe del volto, molto più profondo di quanto si pensi. Alla morte aprendo il viso di un essere umano si possono leggere più cose che nel suo diario più intimo. Se ad esempio troppo spesso ha dimenticato come sorridere, questo sarà avvertito nella mancanza d’uso dei suoi muscoli facciali. Mentre chi corruga la fronte più del necessario vedrà quei suoi muscoli forti e in forma, lasciando una traccia inconsapevole se uno desiderasse leggere quel capitolo della sua vita. Le rughe dunque fiumi, strade invisibili, passaggi naturali ed obbligati per accedere alle passioni.

Un nuovo mondo

Visi rossi, rubicondi, scollature che brillano di sudore e braccia tatuate elevano gorgheggi, pizzichi di risate sbottando sugli schienali di legno delle sedie in stile Caino e Abele. Troppo, per chi ha camminato fino a ieri su pavimenti lustri di cera, bianchi e insonorizzati.

Addio piccolo Cherubino. Come cangia in un punto il tuo destino!

La folle journèe

Si, sembra proprio una giornata folle, iniziata in un vagone della metro, continuata fuori dalle ombre dei palazzi, su un altro treno un po’ più rumoroso del primo. E ora la campagna, il luogo scoperto dal sole e ricordato dai cittadini solo quando le nuvole scure delle macchine diventano una maschera irrespirabile. Poi due scalini e via, fuori, alla fermata.

Stazione centrale di T.

Sembra tutto sotto controllo, per ora. Però la fame e la sete sono fratelli sodali, si scambiano qualche gorgoglio nello stomaco e tirano le budella fino ad annodare la gola.

Cherubino alla vittoria! Alla gloria militar!

Inizia la battaglia per la sopravvivenza. Un ultimo passo verso la trincea, il contatto umano. Quello vero, quel tocco che solamente i bipedi forniti di naso e dita dal pollice opponibile sanno creare. Parole.

Salve

Un bisbiglio sonoro udibile solo dalle tre mosche che si prudono il muso in attesa di attaccare una mollica di pane su un tavolo lì accanto.

Salve

Stavolta più forte, tanto che il richiamo non può sfuggire all’animale- oste, spaventando i tre insetti che si allontanano di malavoglia dal pasto croccante. L’uomo dal naso bitorzoluto e senza un orecchio propone un cavernoso

Uh

Come risposta. È già qualcosa, comunque. Sento i passi che indietreggiano fin quasi ad inciampare. Sono un paio di scarpe preda del delirio di un paio di piedi insicuri.

Potrei avere un tavolo?

Ora la voce del venditore si fa più sicura, il sopracciglio si incurva il tanto giusto da diventare imperioso. Lo sforzo comunicativo è imponente. L’attesa per la risposta passa attraverso una serie di stadi intermedi di comprensione del cervello primitivo dell’oste mono- orecchio.

Uh

Insieme ad un cenno del capo sembrano voler indicare un tavolo piccolo, rotondo, perciò diverso dagli altri quadrati che riempiono la piccola sala rumorosa.

Si, un altro mondo

Certo, non è il bianco materiale asiatico cui ci si era abituati, ma bisogna ammettere che l’oste ha fatto certo del suo meglio per trovargli una sistemazione adeguata. Sul tavolo troneggiano una piantina di plastica morta e un posacenere- noce- di- cocco. Seduto, in mezzo alla confusione, lo sguardo sicuro del domani si perde, girovagando e rimbalzando tra le bocche trita- cibo e le conversazioni trangugiate in tutta calma.

Chi ha ordinato?

Non credo abbia ordinato, eppure di fronte a sé appare un piatto fumante che sembra contraddirmi. Forse è un ordine silenzioso, come dire

Faccia lei

A volte basta un’occhiata per risolvere queste situazioni. In fin dei conti la fame sta bussando sonora alle porte dello stomaco e dunque questo pasto è più che abbastanza.

La gamba sinistra non fa che balbettare il suo nervosismo nella lingua muta degli arti inferiori, avendo come unico effetto il farmi sentir parte di un enorme singhiozzo

Salve

Umano_Human the restaurant
Un cibo umano, al ristorante

E come ogni singhiozzo, sembra aver bisogno di un piccolo spavento per arrestarsi. Un signore dai calzini fucsia e dalle unghie pulite guarda dritto negli occhi S. aspettando una reazione.

S. Salve

Non si riesce a capire se questa Esse sia parte del nome o ancora del balbettio singhiozzante che dagli arti inferiori ha deciso di rigurgitare alle labbra. Che sia una presentazione spicciola?

Posso sedermi qui con lei?

S- Si accomodi

Non credo sia una presentazione. Sembra più il balbettio.

Si trova a suo agio?

La voce è profonda, come portata in superficie da un secchio di legno marcio e una carrucola arrugginita.

S- Splendidamente

Eppure ha una faccia

Oh, le assicuro che tutti ne abbiamo una

Non ha tutti i torti. Però sembrerebbe che la sua abbia visto cieli migliori

Il rumore delle conversazioni, del cadere delle forchette nei piatti, i brindisi e i pianti dei bambini rendono questa conversazione quasi sospesa, surreale.

La verità è che questo per me è un mondo strano, sono un alieno. Vengo dalla metropoli

Ah ecco, mi sembrava

S. e sono un venditore di anime

Sporge la mano dall’altra parte del tavolo. Non conosce tanti altri modi per presentarsi, in fin dei conti è appunto solamente un venditore.

Chi?

Un venditore di anime, anche se ormai non so più…

Ma no, dicevo il mio nome è K.I. Cappa- I.

Oh, mi perdoni… E cosa fa lei di mestiere?

Sono un mediatore

Un mediatore? Tra chi?

Tra ciò che lei sa e ciò che vorrebbe scoprire

Mmm un venditore di lampade e nasi, dunque

Solo nasi, per la verità. Le lampade le lascio a lei

Anche lei dunque non è di queste parti

No, prima non tolleravo più il frastuono, ora mi fa impazzire la quiete

Interessante

Senza difese

Tutta questa conversazione, questo parlare, ha quasi distrutto le difese di questo signore dai baffetti appuntiti. In tutto questo caos, chi può mai essere un signore tanto distinto e allo stesso tempo dall’aria così feroce?

Ma certo, come non averlo intuito prima. Occhio attento, mascella serrata, un grosso pugno grande quanto un pompelmo. Può essere solo un poliziotto. O un cercatore di tracce.

Si alza lentamente, lasciando scivolare un biglietto da visita sulla tovaglia a quadretti.

Sa dove trovarmi, buon appetito

E prima che S. possa rispondere, è già un’ombra che scivola silenziosa e invisibile fuori dalla porta.

Sul tavolo, il piatto non fuma più.

— La prossima settimana… Amore, fuga, disperazione! —

La storia avrà pubblicazione a cadenza settimanale. Tutti i diritti sulla storia sono riservati da Flyingstories.org e nella persona di Daniele Frau.

Tutte le grafiche sono eseguite a mano e in stili misti dall’artista Gabriele Manca, DMQ productions, che detiene i diritti sulle opere.

M. il medico_ The doctor

Il medico

— Read in English —

— Leggi il pezzo precedente —

Sono un umile orologio da polso

Il tempo

Il tempo non è altro che un ritmo. Più ingombrante lo spazio, più sarà semplice vedere questo movimento dilatarsi fino quasi a dissolversi del tutto. Qui, dunque, in questo mini spazio controllato, il tempo risulta essere minuto, piccolo. Un nano di tempo, nel grande circo di luci e pianeti. Non si fa in tempo ad aprire una porta ed ecco che qualche secondo sembra volare via, insieme con qualche corpo bianchiccio o giallognolo.

Il paziente delle 8.05 the patient

The patient of 8.05 a.m.

— Read in Italian —

— Read the previous one —

A patient certainty

Between one of the few certain things you’d find in your existence, believe me, you must add the 8.05 of every Monday morning. In a red bricks buildings with a noisy neighbourhood, an alarm awaits just for an electric impulse to ring. I should say it awaits to sing, instead. The alarm will start in a metallic voice an old song of an Italian singer, Claudio villa,

Bu, l'ufficio_ the suicide office

Bu

The suicide office

— Read in Italian —

— Read the previous one —

The lights of truth

The stairs reflect a yellow light, even though today for S. they’re whiter and more lucid than ever. The shadows itself seem to be colourful, all colours coming from a wonderful palette. The stairs lead to floors that all look the same, one after the other. His walk is light, sure as he wasn’t for long time now. Happens the same when my laces got inextricably tied. Then, after few minutes of painstaking work, with the right move they are free, again. Finally, the life of this handsome man with well sharpened moustaches seems to have some relax. There are new colours and a small light at the end of his spyglass.

That boy_ the hand of the grandma

That boy

— Read in Italian–

— Read the previous paragraph —

A sunny day

As absurd it would sound, sometimes we refer to a day as a “Sunny day”. As if in all the other cases the sun wasn’t there to show that the Earth isn’t hidden alone in the darkness of the universe. Even in the places in which seals and polar bears still survive, the sun is still there. Maybe you cannot see it for sometimes, but it’s still there, as an adult hiding from a child to win a laugh.

Nella notte... in the night

Nella notte

— Read in English–

— Leggi il paragrafo precedente–

La notte è fatta per gli incubi

La notte le porte non bussano tutte allo stesso modo. Ci sono diversi modi di bussare e ci sono porte che restituiscono suoni differenti. Il legno è importante, quanto l’impazienza del pugno che comanda la mano. La mano piena, il pugno sono i modi più usati dalle braccia per segnalare attenzione. In questo caso colpiscono con forza, ma anche con quell’eleganza che sanno avere le mani coperte da guanti. Che sia una donna?

The boss is here

The Boss

—Read the previous paragraph—

— Read in Italian—

An (un) expected news

A simple potato makes a different sound if you drop it down in the dark, as in the dark the potato itself was different

The ghost

Now finally we can meet the Boss. We’ll be there soon, following one of our ghosts. Odontologists and dentists usually get mad about one thing, people sucking candies. Another reason that makes them angry is

Incontro con il Capo

Il Capo

— Leggi il paragrafo precedente—

— Read in English —

Una notizia (in) aspettata

Una patata che cade al buio fa un rumore diverso, come se la patata del buio fosse diversa

Il fantasma

Certo a questo punto vorrete incontrare il capo. Eppure, permettetemi, ci arriveremo attraverso la descrizione di uno dei nostri fantasmi. Se infatti avete dimestichezza con dentisti e dottori odontoiatri saprete cosa li manda in bestia, ovvero

Il cinema

Il cinema, la pubblicità

Il cinema

–Leggi l’articolo precedente–

–Read in English–

Le sale dei cinema sembrano somigliarsi, con le stesse dimensioni e con il medesimo schermo della stessa grandezza. I film nei cinema cambiano, ma senza davvero variare il copione. Gli attori stessi sembrano scelti da una mano meccanica in una grande macchinetta per peluche- attori che sceglie a caso.