Tag Archive flyingstories

Finale_The end

The end

Election time

Beautiful girls in underwear walk covered with billboards. On the pictures hung under their necks, the round faces of aspiring statesmen.

In the end

In fact, everything continues as always. The Independence day gives all the time the families need for chatting in front of their rectangles full of lights. These rectangles, knowing how important they are in forming a public opinion without any opinion, decide to send news like these:

The Alien Rain continues. The Government decided new special laws in order to prevent the situation to escalate.

Husband kills his wife in the suburbs, then cuts her in pieces and throws them around the city.”I thought she was an alien”, he stated.

 The Member of the Parliament, Svanzoni,  forced to resign after his minority motion has been rejected.

<<I just asked them to let this people fall down without dying. I thought it was right to give them one chance to save themselves.>>, these the first statement of the new enemy of the Nation.

The Champion of the People decided to answer back, immediately:

<<I can understand how frustrated the Member and ex Minister of Infrastructures and Quiet Living could feel right now. We have to remember that we had to take into account the fun aspect. The people of this Country is suffering enough for the curfew, it’s a right thing they can have some fun. Following the rules, as always. We’re always on the Law’s side. This is one of the reason why I asked the full power, because me and only me know what people really wants.>>

Starting from today, thanks to the new Babu’s law, it will be legal to kill aliens around the streets during holidays. For whom would kill out of the time and days recommended, it would be charged with fines, accordingly. Later, a short guide on how to recognise an alien.

The people

Before having fun outside, shooting aliens, people are happy discussing the new laws in the pubs and at home. As in the old fashioned game of the telephone, the news bounce from one to the other, changing slightly.

The People’s Champ

The Champion of the People, sure about winning in the next elections, seats relaxed on his black armchair. In front of him, on top of his desk, the half length statue of a tyrant, died decades ago.

There’s a reason why he let his own cat take a decision about the aliens. Interestingly, it’s the same reason why he’s not outside having fun shooting aliens as all the others. On his lap lays everything he ever cared about, the meaning of his life. A small music note, the beginning of a life which is able only to scream, sleep and eat.

The small V

She’s the only creature he knows he can speak to, the only one able to truly understand who he really is. Mainly just making happy bubbles with her tiny mouth. Sometimes she snores, but in that funny cute way that only babies seem to have. And she smiles. A toothless smile, able to move smiles as it was a happy wind. For sure a positive, natural wind.

Not evil

How could ever explain all this good feelings to the stupid voters and the Parliament members? If it was up to him, he would help elderly women crossing the street, this is the kind of person he is. An idiot, but deeply inside not an evil idiot. Simply, he has found in his hands too much power and too fast.

Obviously, when you have such a great power, you have to decide. You need to give answers and that answers have to be clear and certain. He doesn’t mind, he knows the rules and he plays well. Where are his friends, right now? They’re probably too busy laughing under few meters of soil and concrete, that’s what they’re doing!

<<Pling, plong?>>

Suddenly, the door calls for attention. Today is the Independence day, what they want? Anyways, he has servants for that, they will go and see who’s at the door.

<<Pling- plong!>>

This time the doorbell seems to be in a hurry, demanding to be answered. Oh, how silly! Today he conceded the servants three hours of free time, so they could celebrate with their families. On the streets there’s the aliens hunt.

He keeps forgetting how generous he is.

<<Pling- Plong?! Pling- Plong!?>>

<<Who dares!>>

The People’s Champion snaps. If they keep ring the bell like this they’ll wake up the small Victoria. How uncivilized! He stands up from the black armchair and lays the sleeping baby down in the cradle. The cradle, rose and white, start its swinging movement. The “V” drawn on top seems to be the legs of a broken watch.

<<Pling- plong!>>

All of a sudden the Champ forgets his romantic side.

<<Pling- Plong!>>

“My word, I will kill them!”

He thinks while descending the stairs.

<<Pling- Plong!>>

“Oh, I will dismember them!”

Think again, while finally reach with a foaming mouth the door. Here, he turns the handle with fury.

<<For Adolf’s sake, who’s there?>>

And in fron of him:

<<Who… who are you?>>

The figure of an old woman, dirty and dressed in rags stays speechless in front of him. She seems to be a hundred years old, covered with dirt and clotted blood. She doesn’t seem to be hurt, not physically anyways. She’s got big eyes, which seem even bigger because of the skinny appearance. She’s looking at him as he was a vision, a dream.

<<You…You are an alien!>>

Such a big boy scared by this terrified human skeleton.

The skeleton

The old woman wants to speak, but all the words she prepared before seem to be stuck, blocked as her breath due to a broken rib. They’ve chosen her to be there in that moment, to be in front of that man, the so- called People’s Champ. She passed any kind of pain to be there, right in front of this man. To tell him that…

<<Blam!>>

One shot and the Champ closes the eyes, the ears ringing. A single shot and the woman’s head has become a cloud of red corianders. The eyes full of fear disappear, along with the whole face covered in dirt. Abruptly, she’s transformed in a lifeless skeleton, with a spot of blood where before there was a head. A stain, a spot as any other, that the servants will clean in few hours.

<<Champ, are you all right?>>

A girl

A sixteen years old girl stands in front of him, her smoking gun still in her hands. She looks at him with a curious face.

<<Y-yes, thank you. I don’t know what she wanted from me.>>

<<Can I have an autograph, please?>>

<<S-sure, young lady. How did you recognise she was an alien?>>

<<I watched the program “how recognise an alien” on You Tumble. I’m sort of an expert.>>

<<Oh, wow. Really good shot. What’s your name?>>

<<Ananke.>>

<<Ananke, what an anusual name. You want an authograph?>>

<<Yes! Could I please have it on top of the corpse? I will load it on my wheelbarrow, my friends will die of envy.>>

<<Sure, sure, here we are. You’ve earned it. Enjoy the Independence day!>>

Just a flabby man

The girl watches the Champ, it’s the first time she can stay so close to him. She watched at him only from distance, looking out some balconies or on the coloured rectangles. For the first time, too she realised how flabby and sweaty he is. He’s still trembling, while wiping the blood out of his face. She wouldn’t say it loud, but she feels pity for him. All that power and he’s afraid of a small old woman.

<<Wait a minute. She was trying to take something from the pocket. What was it? A weapon?>>

The girl searches through the skeletal corpse, with a disgusted face. The rectangles said aliens bring mortal illnesses.

It’s a letter.

<<It’s a letter, Mr. Champ.>>

<<Well, well. A letter. Hand it to me and go play with your corpse. Again, have a good Independence day!>>

The door remains open on a grotesque scene: a tiny girl is trying to load an headless corpse on the wheelbarrow.

The Champ starts closing the door, his facial expression changing into horror as he keeps reading, the hands shaking. Which kind of joke is that?

Then, he realised something.

There’s nothing else but terror.

He leaves the door open and run.

Run!

He runs as he’ve never run before.

Run fast, with his belly up and down.

He bumps into the half length statue of the tyrant which crashes on the floor. In the room the window is open and there are few muddy footsteps on the white pavement.

In front of him stands the cradle. Empty.

And then the world is a nightmare.

And the world is distant.

And the world is the future.

And the world doesn’t smell good.

He thought he was master of time. But the time makes whatever it pleases.

While he falls on his knee he starts shouting and crying. Despair, rage, confusion. As he was falling from the clouds. As he was one alien.

Falling over a mountain of pain and mud.

“Too late”, he thinks while his thoughts seem to dissolve.

<<Ci avete rubato il futuro!>>

A voice, a shout behind him, full of rage.

He turns and sees an alien, a man covered in blood and mud. The Champ instinctively takes his favourite gun, Valkyrie, from the closet. He has never had a chance to use it before, he doesn’t even know how to shoot. Victoria is on the hands of that alien, mute.

Finale_The end
Finale_The end

Why she doesn’t cry?

The alien must die.

The alien must suffer.

The alien will be torn apart.

Instead, the alien speaks.

<<You stole our future, now I’m stealing yours.>>

The alien must die.

The alien must suffer.

<<Shoot me, shoot me as many times as you want, but you won’t change what happened. We gave you a chance, and you missed it.>>

The alien must die.

The alien must suffer.

And suddenly the Champ feels like he is the alien. Point the trembling gun to his head.

<<Blam!>>

In a second and in a single bullet, a fountain of red paint. The room starts being brighter, with this spray gun effect. On the floor, the corpse of what remains of the People’s Champ, his brain and blood mixed with the pieces of the statue. The alien didn’t expect that.

<<Click.>>

Behind him the sound of a gun loaded.

He turns and sees a small twelve years old girl, with a shotgun bigger than her.

<<Quella vecchia è sparita, nessuno mi crederà. Tu sei un alieno, vero?>>

She doesn’t have to wait for an answer, she knows how to recognise an alien.

<<Blam.>>

On the floor now lay two corpses, while a small one lays inside the cradle. It’s impossible to recognise Victoria, her smile now is just a red spot. Future and past linked by the same destiny.

On the Champ’s left hand there’s a letter:

“Don’t kill me, please.

Save me.

I’m your V.”

And the letter vanishes as the old woman did before. The twelve years old grabs her alien trophy and starts dragging him through the stairs.

<<Go back to the future.>>

She keeps mumbling to herself.

The End

You didn’t read the first three parts and now you’re watching at it thoughtful?  Click here.

You want to read just the last part? Click here.

The story is written by Daniele Frau and he has all the rights over its reproductions. The illustrations are original and made by Gabriele Manca (DMQ productions) which keeps all the rights over them.

Vuoi leggerla in italiano? Clicca qui.

Un guanto perduto_a missing glove

Present

A glove, aliens

Calm down.

The one that follows isn’t a true story, it cannot be for many reasons. One of those reasons is the fact that, if the story was real, I would be dreaming right now. And I cannot think I’m just sleeping.


Let’s skip me, then. Well, after all, the only grammar I know it’s the one I learned watching the big speech of small politicians. The only words I know are those I listened in the small squares populated by elderly people. Those words were stretched, slow, able to cover them from the sun as well as the rain.

Falling down


This small fantasy story started with a man falling down from the sky, followed by many others. Shadows of men, women, children were falling down, recorded by cameras, pure entertainment. The pain of giving birth, the fall of a meteorite, along with an heart attack have in common one thing: they can easily be turned into fiction, and fiction is business. No one eager to stop for a second, trying to understand what’s going on.


On all this, a glove


Let’s go back a bit, use your legs, your arms or your finger. Point it, walk through it, just don’t miss the contact with your past. Only the past will get you through the future.

Cold


Cold has a season in which it decides, thanks to a star and an inclined sphere, to beat the street. Half of the humans in a city, during this beating season, decides to stay at home, coughing. The other half, the strongest, runs over stairs, in the cars and in the sidewalks.


On the steps, in the automobiles, on the footpath, everybody slips. Someone slips in a different way, in a frozen sleep with a long beard, and close the eyes without opening them again. Under the stairs you can see an undefined number of human beings without any future. Wrong choices? Yes, maybe. A wild, lavish life? Sure, why not?

Whatever were their mistakes, it seems so cruel to see them disappear under a blanket of carton, in the cold. That was the reason that lead the People’s Champ to the creation of the Happiness Patrols. That is, groups of citizens ready to put some colours on this sad grey lives.


What could you expect? The civilisations that first divided good from bad grains, the ones that really work out, they crave for a zero. Someone they can add to the average, better if they are coloured, happy zeros.


So, we were saying, in the middle of a cold winter the sun set up. Just light, no warm was coming from it, reflecting from the closed windows sidewalks and coloured stairways. The morning air was clear, crossed by dark coats and sleepy glances.


Anyways, we were speaking about a glove

Un guanto perduto_a missing glove
Un guanto perduto_a missing glove


A woman, first. She left from her square called home and passing through big and small doors, keys and locks, until she was finally out in the air. In her pocket, as always, two accessories used to warm up your hands. One of those things, for unclear reasons, decided to jump from the pocket and go somewhere else. Free to go around the world, alone.
It’s too late, when the woman noticed the missing gloves.

No, better losing an arm, then arriving late at the cubicle. After few steps in the cold planet, though, she looked at her bare hand, suspicious. A blue, grey hand? For sure not as pink as always was. She searched fast in her purse, to finally find a bill. A banknote ready to be burned for a taxi ride. A way as any other to warm up a bit, in a white car.


The taxi driver looked weird


She said later to the police the burning-banknotes-woman.


He was looking a me, worried. I thought that was uniquely due to inexperience.


The taxi driver turned and turned, less and less secure behind the wheel.


He didn’t speak at all, not even a small sound, as he was in apnoea. As he wasn’t even human.


All this was added by the woman-with-only-one-glove speaking to a journalist of the “Belly of the People”, a local newspaper.


A last turn and the taxi slowly stopped in front of the Trustful Bank, workplace of the cold woman.


Few frozen steps, some non-gloved hand shakes and finally the cubicle.
Outside, ready to ruin a pacific day in that place-non- place, an explosion. A car crash, an accident, you would say.


Bum


But no, it was something else, louder. An explosion capable of reducing the mirrored- grey front of the building in small geometric shapes each one not bigger than a nail.


This was the only information people had, when started going in the street. A white taxi was burning.


A terrorist, a terrorist.


Started shouting people in the street. Then louder, on the net, so then all the rectangles of the city- nation mirrored the information in big letters:


A TERRORIST


Few hours passed and the panic was viral. The People’s Champ stepped out of the balcony, with his famous reassuring smile.


In the street the silence fell. Anyways, it was long time the silence wasn’t much of a choice anymore, but a style of communication. When you live in terror, there is not much else to do then stay quite. The only sound you could listen was the buzzing of the helicopters, searching the clouds.


Servants


Stated the Champ, waiting until the echo was ready to come back, passing over the heads and ears of the people.


Our Glorious Country is today under attack


A smile, still reassuring, even after a small murmur.


But we’re not afraid of them! Africans, Indians, communist, homosexuals, southerner, they didn’t scare us before. And we have solid walls to protect us!


A spontaneous applause started as it was called. As if there was somewhere a sign:


APPLAUSE


As if that was just a variety show.


Brothers and sisters, our walls cannot be high enough, this time. The enemy is coming from the sky and it’s ready to invade us!


The murmur was now a buzzing, a prayer man- helicopter, or an immense cat furring inside a box.


From the future?


Danger?


From the sky?


Those were the most original phrases you could have heard there.
The Champ continued, putting a halt to that murmur.


Comrades, we don’t have North or South, East or West to be afraid of anymore. This time the danger is way more concrete. However, we have to calm down, everybody. It wasn’t a terroristic attack.


In the people, down the balcony, a sudden sigh of relief. And all the gazes were for the Champ, full of hope.


That was only an accident, caused by a clandestine. An alien.


The buzz of the people, the murmur became a bit hysterical, now.
Let’s make another step behind, now. If you’re intelligent enough, you would be wondering how the situation started getting so bad. In the communication era closing ourselves inside walls doesn’t seem a wise option.

The red button

You’re intelligent, right, but you didn’t see the red button. That red button, always shiny and ready to be pushed in case of need. The button of fear. With that, you can create people worried about invasions, epidemics or terrorising them about a crazy man with a bomb. No, not a usual bomb, but one of those bombs that can get rid of trees, rivers and even clouds.

A change


First, this change didn’t happen overnight, in a drastic way. More like a metamorphosis, with the same force generated by the grass growing. A quite, slow change that first replaced the ruling class with something really close to the stomach of the people.

So close to that common stomach that was vomited. A ruling lump needed a leader, anyway, and there he was: the Champion People was waiting for. A buffoon, a functional analphabetic idiot, but successful and always always smily.


See, this is the kind of modern man always feels comfortable if surrounded by a crowd clamouring for him. He learned how to fan the flames, and the crowd loved it and followed him in the fire. Obviously, without an enemy or a scapegoat, he would had just found himself blowing in the air, with no fire.

Many started to be seen as metastasis, new problems, enemies of the people. Many, again, started their journey into the dungeons or under the sharp knives of the buffoon. Apparently, now, he was again without any flammable part to fan to. No more metastasis to cut, no more dead leaves to be burned.


But all in all, this explosion wasn’t so bad for him. That’s the reason why he was keeping his famous smile on. Slowly, all the man from the future survived were found and arrested. Some of them, more photogenic than the others, were invited even on some show as attractions.


So, Mr. Alien, where are you actually coming from?


The dirty blond hair presenter asked.


We’re coming from the future and we’re j-just escaping.


This frightened middle-age man answered stuttering.


And why you don’t want to live in your own future anymore?


You… you finished it off. There was n-nothing for us, only war and destruction.


There, there. Last question: how do you answer to whom is asking you to go back to your future?


I answer that we are your nephews and nieces, sons and daughters of your sons and daughters. We’re not aliens!


All right, Mr. Alien. The time’s up, good night and good luck.
A smily applause escort him out of sight, introducing the man of the moment. A man capable of the impossible, eating ten big sandwiches at once.


Slowly, the newspapers started new titles:


How to recognise and neutralise a future being


New kit agains aliens


More and more explosions started to scare the population. The terrorist was always a man of the future, not well identified. The opposition tried to resit, throwing some drop of water on the fire:


We don’t have any substantial proof that the explosions are due to some future immigrants or are connected to any terroristic purposes. Even the taxi explosion is still under investigation. In the meantime we find dutiful to help this people in need.


The press was waiting only for that. They started calling them bloodsuckers. Neither white nor Arabic, black or asiatic, they were new mixed being coming from the sky.


As always happens, the first law was calling them illegal. That was the first step, and they ignored the fact that if you start calling illegal the clouds you won’t automatically stop the rain. The so-called alien rains continued, and the population started helping them as they could.

They placed mattresses and pillows in order to save some lives. To stop somehow the massacre. Then, the Government made new laws and people got scared to be part of the massacre. It’s so easy to be exchanged for an alien. Shortly, the consequence was that mattresses and pillows disappeared.


The so called aliens, as they wanted to disobey the laws, continued to come from the sky. Shortly, heaps of bodies began to raise, and some of the aliens could save themselves just falling on one of those big piles. People started to comment it coldly, as it was something far, far away:


They were asking for it


Finally they got it, they don’t have to come


We have laws and the laws must be followed


The massacre was going on 24/7 every day for months. In the streets you could see men and women covered with mud and blood, walking in shock in the streets. Those were the survivors.


Here is where our story really starts.


Or, maybe, it finishes.

… it continues…

You didn’t read the first part and now you’re watching it thoughtful? Click here.

The story is written by Daniele Frau and he has all the rights over its reproductions. The illustrations are original and made by Gabriele Manca (DMQ productions) which has all the rights over them.

Vuoi leggerla in italiano? Clicca qui.

Un guanto perduto_a missing glove

Presente

Un guanto, gli alieni

Tranquillizzo tutti, questa non è una storia vera. Non può esserlo per tante ragioni, la più importante delle quali è che se questa storia fosse reale, significherebbe che io non sto sognando. E non posso pensarlo.

Non parliamo di me, dunque. In fin dei conti l’unica grammatica che conosco è quella che ho imparato guardando i grandi discorsi dei piccoli politici e le uniche parole che utilizzo sono quelle che ho ascoltato nelle piazzette alberate abitate dagli anziani. Parole stiracchiate, coperte d’ombra e solitudine, parasole e parapioggia.

Questo piccolo racconto fantastico ha inizio con un uomo che cade dal cielo, seguito da altre ombre di uomini, donne e bambini che lo seguono non distanti. Una caduta a reti unificate, ti presa da centinaia di telecamere e divenuta puro intrattenimento. Il dolore del parto, la caduta di un meteorite, un infarto, tutto può diventare fiction, tutto può essere raccontato in modo tale da essere venduto. Senza che ci si fermi per un istante a ragionare, a capire cosa stia succedendo davvero.

In questo scompiglio, un guanto

Facciamo un passo indietro, o un braccio, o anche solo un dito. Come volete voi, come vi viene meglio toccare il passato, toccatelo, tenetelo stretto, indicatelo perfino. Perché vi aiuterà a farvi largo nel futuro. Vediamo come.

Inverno

Il freddo ha una stagione particolare in cui decide, per volontà di un astro lontano e di una sfera inclinata, di sferzare le strade. Durante questa sferzante stagione, metà degli umani di una città sta in casa a tossire al freddo, mentre la metà più forte si fa forza giù per le scale, nelle macchine, sui marciapiedi.

Sulle scale, nelle automobili, sui camminamenti, tutti scivolano. Alcuni però lo fanno in un modo differente, scivolando in un sonno infreddolito, barbuto, che chiude gli occhi senza lasciarli aprire più. Sotto le scale giace un numero, più o meno costante, di esseri umani senza futuro. Scelte sbagliate? Forse. Vita sregolata? Anche, perché no. Eppure, vederli sparire, grigi, sotto una coperta di cartone fa sempre male. Per quel motivo il Capo Popolo ha istituito le Ronde dell’allegria. Gruppi di cittadini che si riuniscono per abbellire i corpi assiderati nelle strade.

Zero e meno zero

Cosa aspettarsi di diverso? I mondi che hanno imparato a separare per primi alcuni grani dagli altri, quelli che funzionano davvero, hanno bisogno di qualche zero da aggiungere alla somma. Serve una media e gli zeri sono importanti, quasi quanto la media stessa. Meglio poi se questi zeri sono colorati, festosi.

Dunque, nel bel mezzo di un gelido inverno, il sole infine fece capolino. Era una luce che non riscaldava, ma rifletteva i suoi raggi sulle finestre chiuse, sui marciapiedi e sui sottoscala colorati. L’aria del mattino era limpida, attraversata da cappotti scuri e sguardi assonnati.

Comunque, si diceva, un guanto

Un guanto perduto
Un guanto perduto.

Una donna, prima di tutto, che esce di fretta dal suo quadrato chiamato casa e si infila tra porte e porticine, chiavi e chiavistelli nel mondo esterno. Nella tasca del cappotto, due accessori scalda- mani. Uno di questi, per ragioni non del tutto chiare, decide di protestare e di lanciarsi da qualche parte nel tragitto. Fuori dalle tasche, nel mondo.

Quando la femmina di umano si accorge del guanto mancante, è ormai troppo tardi. No, meglio rischiare di perdere un arto, che arrivare tardi al cubicolo. Dopo pochi passi nel pianeta gelato, però, si accorge che la mano lentamente cambia di aspetto, di colore perfino. Bluastra, grigiastra? Non più rosa, come era sempre stata, questo è certo. Dopo una ricerca frettolosa e freddolosa nella borsa, eccola trovare una banconota. Un pezzo di carta che verrà bruciato per una corsa in tassì. Per riscaldarsi tra le comode lamiere di un’automobile bianca.

Il tassista aveva un’aria stramba.

Avrebbe riferito più tardi alle autorità la donna-brucia-banconote.

Mi guardava preoccupato. Ho pensato fosse semplicemente colpa dell’inesperienza.

Il tassista era tutto un gira qua e un gira là, insicuro al volante delle strade di città.

Non parlava, non emetteva il minimo suono, come fosse in apnea. Come…come non fosse neanche umano.

Tutto questo riferì qualche tempo dopo la donna-con-un-guanto-solo, intervistata da un quotidiano locale, “La pancia del Popolo”.

Un’ultima svolta a destra e l’automobile si ferma dolcemente all’ingresso grigio specchiato della Banca Di Fiducia, luogo di lavoro dell’impiegata infreddolita.

Qualche scalino ghiacciato, qualche stretta di mano non- guantata e finalmente il cubicolo.

Fuori dalla finestra, a guastare tutto quel pacifico luogo-non-luogo, un’esplosione. Uno scontro tra mezzi, un incidente, si sarebbe detto.

Bum

Ma no, era qualcosa di ancora più forte, un boato, una deflagrazione in grado di ridurre in minuscole forme geometriche delle dimensioni di un’unghia il grigio-specchio della facciata dell’edificio.

Questa era l’unica informazione in possesso di chi, in strada o negli uffici, guardava le fiamme divampare da un taxi bianco.

Un terrorista, un terrorista!

Si affrettarono a gridare per le strade, per poi ripeterlo più forte nella rete, finché tutti i rettangoli della città- nazione lessero la notizia, a caratteri cubitali.

UN TERRORISTA

Dopo poche ore, il panico era diventato virale. Dal davanzale della Piazza si affacciò con il celebre sorriso rassicurante il Capo Popolo.

Nella strada calò il silenzio più assoluto. Essendo divenuto ormai il silenzio non più una scelta, ma uno stile della stampa locale e nazionale, non fu un grande avvenimento. Quando c’è il terrore, non c’è tanto altro da fare. L’unico rumore che si poteva udire era il ronzio dei grandi elicotteri che perlustravano le nuvole.

Sudditi

E l’eco fece in tempo a passare e tornare indietro tra le orecchie della gente fino alla mascella serrata del Capo.

Il nostro Glorioso Paese è oggi sotto attacco

Il sorriso ancora rassicurante, anche dopo un leggero brusio.

Ma non ci faranno paura! Non ci hanno spaventato i nemici di un tempo, gli africani, gli indiani, i comunisti, gli omosessuali, i Sudisti, gli Islamici. Le nostre mura sono solide!

Un applauso spontaneo partì a quel punto come se fosse stato comandato. Come se una scritta luminosa si fosse accesa sulla facciata dell’edificio, nascosta alle telecamere.

APPLAUSI

Come un programma di varietà.

Fratelli e sorelle, le nostre mura non sono più abbastanza per contenere il nuovo nemico. Il problema cade dal cielo, il futuro ci invade!

Il mormorio ora era un vibrare che sembrava una preghiera uomo- elicottero, oppure un grande gatto che fa le fusa dentro una scatola.

Dal futuro?

Pericolo?

Dall’alto?

Queste furono le frasi più originali degli astanti.

Il Capo riprese, fermando quel brusìo.

Compagni e compagne. Non abbiamo più Nord, Sud, Ovest o Est da cui guardarci. Stavolta il pericolo è più concreto. Iniziamo però con il tranquillizzarci tutti. Non si è trattato di un attentato.

Un sospiro di sollievo si poteva leggere in quelle facce silenziose, che si affidavano speranzose al Capo Popolo.

Si è trattato di un incidente, causato da un clandestino. Da un alieno.

Ora il brusio iniziò a diventare un mormorio isterico, qualche tono più alto.

Facciamo ancora un passo indietro, vi va? Persone intelligenti come voi si staranno chiedendo come sia stato possibile arrivare a tanto. Nell’era della comunicazione, chiudersi dentro le proprie mura non è semplicemente poco sensato, è pericoloso.

Il bottone rosso

Forse non avete tenuto presente quel bottone, rosso, sempre ben lucidato, chiamato paura. È ciò che crea timore per un’invasione, per un’epidemia, il terrore che qualche pazzoide dall’accento duro e dalla fronte sudaticcia ci annienti con una bomba. No, non una di quelle che esplode e fa fuoco e fiamme. Una di quelle bombe speciali, in grado di decidere la sorte di alberi, fiumi e perfino nuvole.

Non immaginatevi un cambiamento drastico, epocale, tragico. Fu una metamorfosi che si generò con la stessa violenza con cui cresce l’erba. Serenamente, con lentezza, fu scelta una classe dirigente sempre più vicina allo stomaco della gente. Così vicina allo stomaco, da essere digerita e vomitata. Un grumo dirigente aveva bisogno comunque di un capo e così nacque una nuova figura. Venne scelto un Capo Popolo. Un buffone, un analfabeta funzionale di successo, sempre sorridente.

Un uomo moderno

Questo genere di uomo moderno, vedete, si trova a suo agio in mezzo alla folla che lo acclama, perché sa soffiare sul fuoco e chiede a tutti di seguirlo mentre bruciano. Va da se che, senza una fiamma, senza un nemico, senza un capro espiatorio insomma, ci si ritrova a soffiare al vento.

Tanti si tramutarono così in metastasi, nemici del popolo. In tanti passarono sotto le lame affilate del buffone, che ora era finito irrimediabilmente senza nuovo comburente. Senza metastasi o foglie morte da tagliare e bruciare.

Ecco dunque perché, questa esplosione, risultava essere una vera manna. Ecco il perché di quel sorriso raggiante.

Lentamente, gli uomini del futuro vennero scovati e arrestati. Qualcuno, fisicamente più attraente degli altri, venne perfino portato come attrazione in uno spettacolo.

Dunque, signor alieno, da dove venite esattamente?

Chiese il conduttore- biondo cenere.

Veniamo dal futuro e stiamo semplicemente scappando. N- non siamo alieni

La risposta balbettata, impaurita, di un uomo di mezza età, spaventato.

E perché non volete più vivere nel vostro futuro?

Voi… voi vi siete mangiati tutto, non c’è rimasto più nulla. Solo guerra e distruzione.

Certo, certo. E come risponde a chi vi dice di tornare al futuro?

Rispondo che siamo i vostri nipoti, i figli dei vostri figli. Non siamo alieni.

Questa è la sua opinione, la ringrazio signor alieno. Arrivederci e buona fortuna.

E un applauso sorridente salutò un uomo in lacrime, per introdurre il nuovo personaggio del momento, un fenomeno in grado di ingoiare dieci panini imbottiti in una volta.

Lentamente, i giornali iniziarono ad intitolare:

Come riconoscere e neutralizzare un essere del futuro

Nuovo Kit anti- straniero

Sempre più spesso, un boato spaventava la popolazione. L’autore? Sempre un uomo del futuro non ben identificato. L’opposizione, da parte sua, cercava di buttare qualche goccia d’acqua sul fuoco:

Non abbiamo nessuna prova che le esplosioni provengano davvero da immigrati del futuro o siano commesse con intenti terroristici. Anche l’esplosione del taxi è ancora sotto inchiesta della magistratura. Nel frattempo è doveroso accogliere queste persone in difficoltà.

La stampa era in agguato. Pronta a chiamarli alieni, sanguisughe. Né bianchi né arabi, né neri né asiatici, forme miste che spaventavano cadendo dall’alto.

Illegali

La prima mossa del Governo fu di dichiararli illegali. Così facendo, si aspettavano di vederli diminuire d’un tratto. Come se bastasse gridare alle nuvole, per fermare la pioggia. Le piogge aliene continuavano. La popolazione inizialmente si attrezzò con cuscini e materassi di ogni sorta per fermare il massacro. Quando le nuove leggi vennero promulgate, la paura di diventare essi stessi statistica fu troppa. Ci vuole poco a diventare un alieno. In breve sparirono i materassi e i cuscini.

Gli alieni, quasi a voler disobbedire le leggi, continuavano a precipitare al suolo. Si formarono presto grandi cumuli di  corpi di alieni del futuro. I più fortunati riuscivano a salvarsi proprio cadendo su un cumulo di cadaveri. I commenti più comuni iniziarono ad essere sempre più freddi, distaccati:

Se la sono cercata

Così imparano ad atterrare

Le leggi ci sono per essere rispettate

La carneficina durava ormai da mesi. Per le strade si notavano uomini e donne coperte di terra e sangue, intenti a brancolare senza una meta. Erano i superstiti.

Qui è quando la nostra storia comincia davvero. O forse termina.

…continua…

Non hai letto la prima parte e ti guardi intorno pensoso? Leggi qui.

Questa storia è un racconto originale scritto da Daniele Frau, cui sono riservati i diritti di riproduzione. I disegni sono ad opera di Gabriele Manca (DMQ productions) e tutti i diritti correlati sono di sua proprietà.

Do you want to read it in English? Click here!

La caduta_gli alieni

Ritorna al futuro!

Alieni

Solo ora che cado dalle nuvole capisco il profondo significato dell’aria. Non solo è una forma, ma è una forma di vita, in vita. Quando vuole sa essere vento, che sfugge tenace alle mani aperte dai finestrini delle macchine in corsa, oppure si rifugia sotto le porte e si trasforma in corrente, nelle tane dove vivono i treni.

Fredda

Fredda, è in grado di stringere due corpi in un abbraccio e perfino farli innamorare, mentre si fa calda e li rende umidi, lontani, ma ormai innamorati. L’aria sa essere gentile, quando vuole. Accade poi talvolta che inciampi, distratta, in qualche montagna e rotolI così su qualche nuvola, mischiandosi al vento nel vento fino a diventare un cono di distruzione.

Caduta libera

La sento proprio ora, gelata, che mi taglia il viso e mi muove le orecchie. Sotto di me, terra chiara e sangue, tanto sangue. Corpi su corpi, una catasta di occhi-mani-capelli-gambe. Sopra di me, altre mosche- uomo pronte a farmi compagnia, a sparire in un abbraccio di morte.

Le loro ombre sono puntini che si confondono uno nell’altro nella radura, proiettate da un sole ignaro. Sento l’aria riscaldarsi, la terra avvicinarsi.

L’avrei fatto comunque, se l’avessi saputo?

Si, credo proprio di si.

Sono vicino, ora vedo una scritta, tracciata in lettere maiuscole nella terra.

Ritorna al futuro

Troppo tardi, penso io, mentre mi dissolvo.

La caduta_gli alieni
La caduta, gli alieni.

—————————————————————-

Villa Clichy

<<Ben arrivati a Villa Clichy,  mi chiamo Vanessa e mi trovo qui oggi in veste di guida. Sarò il vostro punto di riferimento durante l’intera permanenza della vostra meravigliosa famiglia qui alla Villa. Qualche cenno storico. Prego, seguitemi. L’ala dell’edificio in cui ci troviamo ora è piuttosto antica. Recentemente un familiare del nostro Capo Popolo è stato nostro ospite, ma in passato queste stanze hanno dato dimora ad un Re francese famoso per i suoi mobili. Probabilmente ha anche giocato con questo prezioso tavolo da biliardo e avrà riposato su una di queste sedie in plastica.>>

<<Signora?>>

<<Si, piccolo?>>

<<È vero che da qui si vedono gli alieni di cui tutti parlano?>>

<<Arturo!>>

<<Ma no, signora, lo lasci fare. I bambini fanno bene ad essere curiosi e sa, ne parlano tutti ormai. Va bene, basta così con i cenni storici, restiamo nell’attualità. Si, Arturino bello, se guardi fuori dalla tua finestra li puoi vedere. Se devo essere sincera, sono diventati una vera e propria attrazione, siamo prenotati tutto l’anno. Dicevano di esprimere un desiderio quando ne cadeva uno, ma ormai sono tanti che i desideri non basterebbero.>>

<<Ah, ah, bella questa. Grazie, Vanessa. Arturo, come si dice?>>

<<Grazie, signora.>>

<<Ma come sei ben educato! Grazie a te, Arturino.>>

<<Mi scusi, Vanessa. Approfitto della sua pazienza, ma giacché abbiamo toccato l’argomento…>>

<<Mi dica, signor Capra.>>

<<Nella brochure dell’agenzia diceva di una postazione per la caccia.>>

<<Assolutamente signor Capra. Troverà una stazione per cacciatori ad appena due chilometri dalla Villa. Là le daranno tutte le istruzioni e le metteranno a disposizione un kit. Se non ha mai sparato agli alieni, le do un consiglio. Miri prima a quelli più grossi, così da fare pratica. Poi pian piano sarà in grado di colpire alieni di medie e piccole dimensioni.>>

<<Mi perdoni, Vanessa, magari la domanda le suonerà stupida, ma… non soffriranno?>>

<<Ma no, suo marito e gli altri staranno a debita distanza, è completamente sicuro.>>

<<Si, certo, ma vede… io parlavo degli alieni. Lei crede che soffrano?>>

<<Ah, ah! Questa domanda le fa onore, signora Capra. Guardi, per quanto io non abbia studiato medicina, ho letto che ci sono prove scientifiche che provano che gli alieni sono completamente privi di sentimenti umani.>>

<<Ah, la ringrazio. Non sa quanto questo mi faccia sentire più sollevata. Sa, sono una fedele.>>

<<Anche io, si figuri. Sono una grande devota, come il Capo.>>

<<E la catasta? Crede che l’odore possa arrivare anche qui?>>

<<Ottima domanda, signora Capra. Si, non le posso nascondere che se la casa dovesse trovarsi controvento, si potrebbe avvertire un po’ di cattivo odore. Non si preoccupi, però. Il Governo ha già istituito tre volte alla settimana una raccolta differenziata per la raccolta degli alieni. E la casa ha un sistema di profumazione automatico. Non si accorgerà di nulla. Ora scusatemi, ma devo scappare. Ho i miei bambini che escono da scuola.>>

<<Certo, certo, comunque per qualsiasi cosa possiamo contattarla?>>

<<Esattamente. Non mettetevi problemi. E… buona caccia!>>

<<Ah, ah! Buona giornata, Vanessa!>>

<<A voi!>>

… continua…

Questa storia è un racconto originale scritto da Daniele Frau, cui sono riservati i diritti di riproduzione. I disegni sono ad opera di Gabriele Manca (DMQ productions) e tutti i diritti correlati sono di sua proprietà.

You can read the story in English as well, here.

La biblioteca

La biblioteca

— Leggi il Primo Capitolo–

— Leggi il Secondo Capitolo–

— Leggi la puntata precedente–

— Read in English–

Rettangoli di carta

Era un’infinità di tempo che la vita non osava, perlomeno, tentava di rendere qualche goccia di quella rugiada un torrente gorgogliante, un fiume fluido e florido. Una goccia però, sfuggendo al fato, sa sempre cadere in una riserva secca, chiamando altre gocce prima che il sole si accorga del misfatto.

Carta bagnata

Con estrema cautela questo sorso di esistenza imprevedibile sfugge rendendo la foce del corso d’acqua un passaggio al mare. Pesci differenti, tartarughe marine, coralli perfino. Quanta pazienza bisogna avere per attendere che tutto ciò accada. La stessa pazienza che si legge nello sguardo da dinosauro in ritardo della grossa tartaruga che segue la corrente.

Alla foce

Dunque è proprio lì, alla foce del nostro fiume, prima che si incontrino nuovi e misteriosi compagni di viaggio, che si decide il proprio destino. Quel gocciolare isolato è diventato finalmente una storia, un cammino da intraprendere.

Sul treno


Ora, cullata dal movimento del treno, M. sogna di essere nella pancia di un enorme serpente del deserto. Mi guarda, sorridendo per la fortuna che gli è toccata in sorte. L’ultimo treno è questo e non si sfugge, per ora è al sicuro. Ecco l’ultima fermata, fuori diventa buio ad ogni istante, il treno


dakadakadakadakdadakakakakakakaakakssssss


si ferma con il suo celebre tossire.

Luoghi remoti


Ci sono luoghi remoti, giusto dietro gli altari magici che vengono costruiti per connettersi e disconnettersi la coscienza. Qui si trovano i tipi più solitari, ma anche macchine di piccola cilindrata in cui con i finestrini aperti personaggi senza tempo ascoltano le partite di pallone. Sui muretti, da qualche parte là intorno, voci spensierate e mani sottili conversano dando pareri senza filtri, di quelli inadatti perfino ai bar più rumorosi.

Umanità

Si trovano questo genere di persone nei pressi delle stazioni, nei grandi parchi, nei concerti con le magliette larghe e i jeans. Questi funghi qui trovano il loro sottobosco ideale in cui crescere e nutrirsi. Tra queste gocce di cemento ecco camminare un’ombra obliqua, tagliata in maniera rozza dall’ultimo sole del giorno. Si allunga fino a toccare i capelli di una ragazza intenta a disegnare una cupola di trecento anni fa seduta con la lingua di fuori sul prato. La ragazza, non la cupola.

Velo d’esistenza

Eccola continuare il suo cammino, quest’ombra ora quadrata, ora oblunga, eccola sorpassare un muro e poi un altro, scavalcare una strada senza più ombre. O luci. Sembra scomparire fino all’ombelico della terra, dentro la pancia misteriosa che ci ospita paziente da tanto tempo. Poi, una luce fioca avvisa


Tavera- carne


Ed ecco l’illusione della realtà. Nuove ombre, stavolta colorate di rosso e giallo, definiscono i contorni così come le aspettative. Leggi taverna e pensi


vino


Poi leggi carne e pensi


Fuoco, legna, caldo


Tutto ciò che in questo momento della giornata sembra essere solo un miraggio. Invece, poi, accade. Le mani spingono forte la porta che separa il vino, il fuoco, la legna e il calore dal freddo della sera che avanza scivolando silenzioso dietro il sole distratto.

Luce

Un vortice di luce rende ciechi per un attimo quegli occhi abituati al buio, alle ombre, stanchi dopo giorni di corse senza riposo. Essere braccati ha i suoi pro e contro. I pro di sicuro sono quelli che illuminano di più le vite degli ottimisti. Quando però si ha sonno e fame, si notano solo i contro.


A pochi passi dalla pesante porta di ingresso quattro braccia robuste si interessano del nuovo venuto. Nessuno nota il suo orologio. Se lo facessero, potrebbero constatare come continuo a calcolare tre ore di differenza. Non è una mia colpa, non posso regolarmi, so di essere sbagliato, o meglio corretto ma in qualche altra longitudine.

Un umile orologio


Potrebbe darsi che non sia poi così difficile ignorarmi, per quanto sia invece semplice notare questa donna misteriosa che, sebbene stanca, porta con sé tutto il fascino possibile. Alta e dai capelli corti, un polso sottile e le mani morbide e lisce, non è certo di queste parti.

È una forestiera e non se ne trovano poi tante qui intorno. I passi sicuri danno un ritmo agli occhi che la osservano. Quattro, come le braccia, attenti a non perdere un particolare di quella forma longilinea che li supera e chiede


Potrei avere un bicchier d’acqua e un panino, grazie?


Un panino…


Uno qualsiasi, ho poco tempo e troppa fame


Certo. Desidera un amaro, un caffè?


Un amaro, uno qualsiasi


L’uomo dall’altra parte del bancone ha un viso di quelli che si dimenticano in fretta. Potrebbe lavorare come spia o come modello di medicine contro le emorroidi. O magari un pescatore solitario in attesa di essere ucciso da un assassino. Un viso non simpatico, non antipatico, uno sguardo che non incontrerete mai direttamente, se non voltandovi di scatto verso uno specchio. Certo questa donna che mi regge con il suo polso sottile ha carattere, non ci piove.


Ecco il suo amaro e l’acqua, signorina


Signora


Signora


Grazie


Offro io, signora


Dice una voce alla sua sinistra. E tutta l’enfasi della frase cade proprio su quest’ultima parola. Come se volesse raccontare, in un secondo, tutta la sua vita, il suo carattere. Come se desiderasse affermare che anche lui è stato sposato, che come lei non porta più anelli, che lo status di signora non implica che la sua età sia un ostacolo.

E’ una donna avvenente, lui ha due grosse braccia e un sorriso giallognolo da caffè-sigaretta-caffè e sa di profumo del supermercato. Il vero maschio alfa.


Le labbra dal polso sottile creano un piccolo arco sul lato sinistro, prima di aprirsi e lasciar scomparire l’acqua e l’amaro in successione inversa. Via l’amaro, via l’acqua, si è pronti a ripartire. Il panino ficcato nello zainetto che la segue ormai come un piccolo guscio.


Ehi, ma dove vai? Non mi dici nemmeno come ti chiami?


I passi si fermano davanti alla porta, fuori il vento canta in si bemolle e una porta sbatte da qualche parte.

La ringrazio per l’amaro, ma non voglio che sprechi il suo tempo a tatuarsi il mio nome sul braccio. Buona serata

La porta si chiude e lascia dietro di sé due bocche aperte e una impassibile. Un barman, anche il meno fotogenico, trova più conforto sul fondo da strofinare di un bicchiere che in queste beghe terrestri.

In marcia


Nella tasca dei jeans una macchia scarlatta ricorda il perché di tanta fretta. Quell’anima, quella voce ruvida che la insegue, la sta guidando. Sono giorni ormai che sperimenta ogni possibile variazione delle parola fuga. Nessun letto ha il piacere di sentire il corpo caldo della dottoressa fino a diventare caldo esso stesso. La catena rivela che ci sono passi, poi treni, stanze e poi passi e così via.


Eccoci alla prima tappa davvero ricercata di questa fuga assurda.


Biblioteca Pubblica- Ufficio Pubblicità e Intrattenimento- Scuola di vita

E’ la prima ad interessare la dottoressa, però entrando non può esimersi dal guardare dal corridoio tutti quegli alunni della scuola di vita che seguono annoiati la professoressa. Alla lavagna si legge


Le tasse sono per i perdenti- Come evitarle


E’ davvero incredibile constatare la volontà dello Stato di modellare cittadini che violino le leggi. In un mondo perfetto, dovrebbero insegnare come pagare le tasse. Però questi studenti hanno deciso di intraprendere una strada diversa. Anche se non tutti sono portati per la scuola di vita, per materie come

sopravvivenza con i sussidi

o

rapina a mano armata

Se il Governatore di queste parti ha aperto questa scuola però avrà avuto le sue ragioni. C’era una certa domanda. Senza qualcuno che vada oltre le regole, le regole stesse si dimenticano e con esse chi le amministra.

La biblioteca


Eccoci dunque davanti alla biblioteca. La mano sfila dal portafogli la tessera ingiallita degli anni dell’università, l’orologio segna le 7.30, io le 10.30. Per fortuna seguono quell’orologio grosso e brutto sul muro, così M. avrà una chance di entrare e leggere i libri che le interessano. Seduti ai tavoli si intravedono solo professori e dottorandi. Nella sezione esoanimismo ecco i libri richiesti


Antianimatologia delle parti del reale


Tassonomia e regolazione di spirito e materia


Come liberare l’anima dal giogo della vita?


Ecco in quest’ultimo si legge


Quando un’anima è recisa dal suo corpo di adozione (cfr. capitolo III Reazioni e aura”) si trasferisce in quanto sostanza immateriale e priva di tempo in onde “di luce auto- riflettenti”. In termini più pratici, si distacca dal soggetto senza perderne la reale consistenza essenziale. Una nuova teoria vede l’anima come vittima annessa ad un nuovo corpo.


Interessante. Ecco spiegato come lei possa sentire la “voce” di quest’anima intrappolata nel mignolo. Ora bisogna fare in fretta, leggere dove si trova il pozzo delle anime. Sembra impossibile, eppure:


(…) là dove un tempo era montagna e ora è città, dove gli alberi non seguono il sole, ma quel mare scuro chiamato anima.


Tutto qui? Questo l’avrebbe potuto chiedere ad un bambino qualsiasi. Tutti sanno questa frase, per quanto senza senso possa sembrare. Una filastrocca che mette i brividi, la “Prigione delle anime” in cui finiranno tutti i cattivi. Nessuno ci crede davvero, ma nessuno ha mai davvero smesso di crederci. Anima, anima, non è questo il momento di sparire.


Prendi il libro rosso sullo scaffale


L’anima ha parlato. In effetti sullo scaffale, in alto, c’è un piccolo volumetto dalla copertina mangiucchiata dagli insetti, dal tempo o da qualcuno con delle grosse unghie.


M. si sporge e prende il libro in mano. Un libro come un altro, che si intitola


Come fabbricare una storia


Cosa mai avrà a che fare questo libro con ciò che stiamo cercando? Ecco che M. sfoglia le pagine, facendo attenzione a qualche messaggio segreto, cifrato tra le righe. Nulla sembra saltare all’occhio.


Quando si scrive una storia è importante un momento di pathos, dal greco (…)


Niente, proprio niente che possa aiutarla, darle un suggerimento qualsiasi. Poi, arrivata al capitolo

Scrivere non è per tutti. Se non conosci nessuno, è meglio darsi all’ippica



Un rumore.

Tup


Un foglietto cade per terra, un foglio ingiallito di una carta dura, costosa.


Là dove un tempo era montagna e ora è città, dove gli alberi non seguono il sole, ma quel mare scuro chiamato anima. Sei quasi arrivata, ora guarda alla tua destra


M., per quanto incredula, guarda alla sua destra e nota una scritta sul muro, che non aveva notato prima.

Prego, signorina, stiamo chiudendo!


Urla la voce rauca del bibliotecario. Ha una famiglia, una partita di pallone da guardare. Non è pagato per perdere un minuto di più in questo luogo insensato pieno di rettangoli di carta.


S- si, la prego. Mi dia solo un minuto


La sagoma del bibliotecario si allontana, borbottando tra sé e sé. La scritta sul muro è in una grafia da ragazza, scarabocchiata di fretta su un’immagine di una foresta vista dall’alto.


Piantonia, dove le radici guardano il sole. Per visite in elicottero chiamare il numero- rettangolo in basso


Dopo aver messo il libro al suo posto, eccola avvicinarsi all’immagine. Piantonia. La nazione delle piante. Il luogo in cui nessun umano può mettere piede. Ma come faceva il libro a sapere… Il foglietto giallo, lo tiene ora stretto tra le mani. Ma dice qualcos’altro:

Entra là dove sai, cammina da Est. Là troverai il Pozzo delle Anime


Poi l’immagine sparisce e una scritta grande come un urlo compare:


BRUCIAMI


E così M. scappa dalle grandi bocche di legno della biblioteca, si rifugia in strada. Nella tasca della borsa trova un accendino, vecchio compagno dei tempi in cui fumava. Lentamente, appiccia il fuoco ad un angolo e sente la carta sibilare umida e fumosa.
Quando butta l’ultimo pezzo di carta per terra, le sembra di leggere:


GRAZIE


Ma ormai è cenere, vento, nebbia che avvolge la vallata. Ora sa dove andare, sa dov’è diretta. E si perde nell’aria della sera, mentre addenta famelica un panino rosso sangue.

— E la prossima settimana… Tradimento! —

La storia avrà pubblicazione a cadenza settimanale. Tutti i diritti sulla storia sono riservati da Flyingstories.org e nella persona di Daniele Frau.

Tutte le grafiche sono eseguite a mano e in stili misti dall’artista Gabriele Manca, DMQ productions, che detiene i diritti sulle opere.



La fuga_ the crowd

La fuga

— Leggi il Primo Capitolo–

— Leggi il Secondo Capitolo–

— Leggi la puntata precedente–

— Read in English —

Pance, schiene

Ogni essere umano, ogni cultura che impari a non calpestare l’erba, deve per forza imparare a convivere con la solitudine e con la mancanza di spazio. Il paradosso della civilizzazione. C’è chi ha trovato come naturale soluzione a questa cronica mancanza quella di ammassarsi pance contro schiene, diminuendo l’estensione della folla in palle informi di uomini e donne.

La moltitudine

Come una scatola di cioccolatini animata, queste teste si muovono e brulicano su scale mobili e vagoni ferroviari, lasciando però intatte biblioteche e piccoli teatri. Una folla che non sa gocciolare, ma solo fluire. Altre culture hanno inventato altri modi per moltiplicare lo spazio personale, in assenza di aree ancora vergini. Non hanno desiderio che pance e schiene si ritrovino sempre attaccate, come a soffiarsi nell’orecchio. Un amore che in queste latitudini è considerato scandaloso.

I rettangoli di luce

Non che possano fare diversamente, gli esseri umani per quanto piccoli possano essere occupano una precisa area personale. Ecco dunque qual è il ruolo delle cuffie, dei rettangoli di luce e dei colori delle pubblicità. Uno sguardo verso uno specchio cieco che insonorizza, addolcisce le ombre, partorendo vite molto meno miserabili di quelle che si è abituati a vivere. Pance contro schiene. Così diventano allegri, spensierati, gratificati dal successo ottenuto dai loro alter ego. Queste ombre almeno non devono solamente camminare con i loro piedi, starnutire e bestemmiare il loro lavoro. Questi riflessi di vita non devono alienarsi ripetendo come a farsi coraggio

Io non sono qui

Tranquillizzati dalle loro foreste- gioco, mondi- allenamento e stadi- castello, queste pulci dimenticano di essere in cerca di sangue. Si convincono di essere piloti, pirati, grandi giocatori di sport di palla o racchetta. Da insetti a dèi con il solo tocco su un rettangolo colorato. Come attori che si rifiutino di lasciare il set, convinti di essere davvero il personaggio che il regista desidera che questi siano.

Dal finestrino

Schiacciato tra altri uomini- moltitudine, entità- metropoli, l’uomo del domani guarda fuori dal finestrino. Il treno lascia che le luci rimbalzino l’un l’altra, lanciandosi messaggi silenziosi. Onde che riflettono un sole tramontato da tempo, ormai. La notte è infatti un mare d’inverno, freddo e silenzioso. Un film in bianco e nero visto alla tv, direbbe una certa L. Lentamente S. lascia arrivare alla superficie di sé quell’istante di paura. Dai, forse non era paura, quell’uomo grossolano e balbuziente può solo avergli fatto pena. Eppure le parole del gigante arrivano come piccoli punti di spillo tra i pensieri accomodanti

Tu mi hai rubato l’anima, preparati a morire

Certo, magari non proprio queste parole, ma gli ricordano qualche film visto da bambino. I ricordi sono così arbitrari, soprattutto quando si tratta di ricordi cuciti sul cuoio della paura. Anche lì si parlava di vecchi conti in sospeso, la morte di un padre. Eppure quella era realtà, è facile ricordare, pure tra i filtri della paura, tutte le ombre intorno e quegli occhi. Quei fossi infiniti sotto un cappello a tesa larga. La risposta? Beh, la sua risposta non è stata di quelle che si leggono nei manuali di comunicazione, ma è stata comunque una risposta

Quale anima?

Hmpf

Tu… tu sei… quel ragazzo?

Per la prima volta sento la sua voce incrinata da puntini di sospensione, sospesa tra parole che non vogliono germogliare. Finalmente, entrando in quella sala di obitorio ha capito che c’è solo un’anima che cerca. L’anima di suo padre è la risposta ad ogni domanda passata o presente. Ed ora questo energumeno vuole portargliela via, ancora una volta. O almeno questo è quello che sembra volere, in quel modo tutto suo di farfugliare sotto il cappello.

Tuuuuuuuuu-p

Esclama il telefono

Tuuuuuuuuu-pp

Ripete, apparentemente un po’ più seccato il telefono

Ancora per un po’.

Dai, rispondi

Tuuuuuuuuuuuu-ppp
T-clack
Tu tu tu tu tu tu tu tu tu tu tu

L’apparecchio pareva essere diventato un balbuziente arrabbiato.

Poi il silenzio, con il telefono dimenticato sul tavolo.

Partire, doveva partire

I passi che si facevano lunghi nella stanza, o magari è semplicemente quest’ultima ad essere piccola. Doveva partire, la valigia finalmente pronta. Doveva partire, le chiavi sul tavolo. Doveva partire, non c’è più tempo. Questo andava ripetendo senza sosta per qualche ora. Prima che quell’energumeno lo venga a trovare ancora, prima di perdere le tracce di quella donna e di quel mignolo mozzato.

Tutto cambia

Il medico sembrava essere la soluzione, ma gli è sfuggito di mano. Di mano, no, per la precisione di dito. Un dito mozzato, che di certo nasconde qualcosa. Le tracce di sangue sono sparite ad un certo punto, ma bisognerà riprendere le ricerche. No, correre, deve correre, non c’è più tempo. Voleva avvisarla, avvisare quella donna dai capelli così scuri e dal vestito sempre così blu. Ecco, prendeva le chiavi, la sua piccola valigia grigia e

Blam

La porta urtò con forza girando sui suoi stessi cardini e chiudendosi all’interno. Fuori, i miei piedi scendevano veloci un pianoforte dai tasti tutti bianchi, una musica di passi difficile da seguire. Ecco poi il tram, preso al volo, che si muove e in mezzo alla confusione di pance e schiena, ora.

Una lettera

La fuga_ the crowd
La fuga_ the crowd

Qualcosa nella giacca, una lettera che profuma di lavanda, di carta blu. Non deve essere piacevole, perché la lascia cadere e si mette le mani al volto. La lettera scivola qui, vicino a questo umile paio di scarpe e dice

Caro S.

Mi mancano le nostre piccole uscite del sabato sera. Vederti a lavoro, sempre così sorridente. Mi mancano anche i nostri silenzi, i tuoi baffetti che sembrano temperati. Capisco però, proprio dai tuoi silenzi, che c’è qualcosa di più importante. Non preoccuparti per me, sarò ogni giorno alla macchinetta del caffè, seduta ad aspettare che tu ritorni. O magari sarò sempre là, con te.

La tua donna in blu,

N.

P.s. Le chiavi di casa le ho lasciate nella cassetta delle lettere.

Non ritorno, fuga

E quello è il punto di non ritorno, quando la città sembra diventare solo un mostro dalle narici aperte a fiutare la paura. Quando ogni muro trasuda sporcizia, quando anche gli sguardi della gente sul vagone diventano opachi. Tutti riflessi sui loro rettangoli, attaccati a dei cavi come a ricaricarsi. Ora vorrebbe che i ristoranti avessero del cibo, del cibo vero, piatti sui quali chiacchierare e urlare. Ora vorrebbe correre al cinema e guardare qualcosa che non sia pubblicità. Stringere la mano di N., nel buio, lasciandosi andare ad esplorarne le dita fini, la mano piccola dalla pelle morbida. Ora vorrebbe scappare, o vivere, o entrambe le cose. Abbozza un sorriso, niente è perduto. Mormora

Si, so dove andare

Lasciando gli altri passeggeri perdere l’attenzione per qualche istante dai loro giochi- mondo, perdendosi per un istante nella realtà. La realtà vera, dove pance e schiene sono unite, dove un matto parla da solo su un treno.

Tucutlun

Tucutlun

Tucutlun

E le rotaie spariscono dietro i palazzi come a voler dare profondità ad un disegno

Si, so dove andare

E la prossima settimana… cibo umano!

La storia avrà pubblicazione a cadenza settimanale. Tutti i diritti sulla storia sono riservati da Flyingstories.org e nella persona di Daniele Frau.

Tutte le grafiche sono eseguite a mano e in stili misti dall’artista Gabriele Manca, DMQ productions, che detiene i diritti sulle opere.

First Words_Italian alphabet

The alphabet

First words

Let’s have some old- fashioned recap, now. Let’s start with the alphabet.  As we said before, there is a classic method for everything we decide to study. A classic way you can study the alphabet is the repetition of the sound of a language. In this case, the purpose is to give us a small base to start with.

A corpse that... un corpo che...

Un corpo che… parla?

— Read in English —

— Leggi il pezzo precedente —

Un corpo

che

parla

Lei ci crede nella reincarnazione?

M. il medico_ The doctor

Il medico

— Read in English —

— Leggi il pezzo precedente —

Sono un umile orologio da polso

Il tempo

Il tempo non è altro che un ritmo. Più ingombrante lo spazio, più sarà semplice vedere questo movimento dilatarsi fino quasi a dissolversi del tutto. Qui, dunque, in questo mini spazio controllato, il tempo risulta essere minuto, piccolo. Un nano di tempo, nel grande circo di luci e pianeti. Non si fa in tempo ad aprire una porta ed ecco che qualche secondo sembra volare via, insieme con qualche corpo bianchiccio o giallognolo.

Il paziente delle 8.05 the patient

Il paziente delle 8.05

— Read in English —

— Leggi il pezzo precedente —

Una paziente certezza

Tra le poche sicurezze che potrete in qualche maniera procurarvi nella vostra esistenza, credetemi, è d’uopo aggiungere le 8.05 del mattino di ogni lunedì. In una casa dai mattoncini rossi e dal vicinato alquanto chiassoso, un allarme attende un impulso elettrico per farsi sentire. Per cantare, per essere più precisi. Per intonare con voce metallica una vecchia canzone di Claudio Villa,