Perché la lettura è importante

You don’t speak Italian? Don’t worry, we translated it for you in English!

Piccoli passi verso la lettura

I libri erano le mie proprietà più preziose. Li tenevo su uno scaffale di cui andavo molto orgoglioso. Amavo i miei libri e li conservavo con cura. Li leggevo e li rileggevo senza fare le orecchie alle pagine o piegare le coste. Ognuno era un piccolo tesoro.

Iniziamo dunque con un brano tratto dal libro “Nato fuori legge” autobiografia di Trevor Noah.

Ecco, cominciamo da qui a muovere i primi passi verso l’avventura della lettura.

Forse per qualcuno di noi sono parole ancora vere, ma lo sono altrettanto per i nostri bambini?

Entriamo in questa avventura a piccoli passi. Per poterlo fare dovremo rispondere a molte domande sui perché della lettura. Un po’ come quando da piccoli cominciamo a scoprire il mondo e il nostro linguaggio diventa un insieme di perché.

Qualche domanda

Piccoli passi nella letteratura
Piccoli passi nella letteratura.

Così cominciamo a porci delle domande sul meraviglioso mondo dell’arte della lettura. Ebbene si, leggere è un’arte. L’arte di entrare in mondi che non sono nostri, in punta di piedi, perché non è scontato leggere, amare la lettura, amare i libri.

Ma perché leggere?

Cosa leggere?

Come accompagnare la lettura?

Con chi leggere?

Pochi giorni fa un bambino di soli quattro anni mi ha detto:

<<Le maestre mi puniscono quando faccio da monello>>

Tralascio il discorso sul “fare da monello” che ci porterebbe troppo lontano e vi regalo una piccola chicca in merito alla domanda:

<<Come ti puniscono? >>

Risposta:

<<Mi dicono di andare a leggere un libro>>

Ecco le risposte più sbagliate alle quattro domande precedenti.

Un’ultima provocazione:

A che età si comincia a leggere?

Riflettiamo un po’. Cominciamo forse a parlare quando emettiamo le prime parole, le prime frasi???

Il grande tema della comunicazione si affaccia alla nostra finestrella…

A presto,

Maestra Nuccia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.