Category ArchiveUncategorized

La trappola_the trap

The trap works



— Read the First Chapter —

— Read the Second Chapter —

— Read the previous part —

— Read in Italian —



The bicycle

It was just few minutes ago. Then the woman took her bicycle, again. Following those wheels are not as easy as you can think, in the traffic. For cars is easier, with all that red, and yellow and green.

Two wheels

A bicycle, though, is pure action, a shadow suspended between two round mouths eating asphalt, jumping skilfully over and down the sidewalks. Blue and black that bicycle is even difficult to catch, in a small town got all black and grey by the escape of people to the city. No, the city let enough people still live here, they’re necessary.

Grey hair, grey towns

People here are getting more and more grey every day, white even as mountains tops. The only help comes from the white beards of the old people, in fact. They let the blue and black bicycle stand out and so being recognisable. Elderly people point, then. Yes, they have white hair, they speak slower than the others, spit on the ground and point with their fingers. Not everyone can point out as elderly people do. I saw youngsters trying to point out something and ending up fighting.

The market

Anyways, that was the market, completely another story. When you’re in the market you know they’re not going to be soft. They shout, trying their best to attract the attention of people passing by. It’s a surviving game.

A stuttering shouting amass of wreckage, fruits and jeans interrupted only by the rain. When it’s raining, everyone got under their big umbrellas to smoke their peace pipe. A cigarette and let’s go out, as shell-less snails. Shouting and selling again.

Just sun

To be honest, here there’s no rain, but a big sun wagging his tail and barking through the lawns, meowing on the roofs and stumbling on a ball in the backyards. Maybe there’s no rain, but there’s a lot of life here. You can still see those circular breathing and die that the suicide offices hate.

Dough of humanity

Those offices they never get really popular in this place. This is more the place in which all the soldiers, the night janitors, the workers have their origin. Here the bread dough is made, ready to go to the oven to be cooked. When it’s finally ready, when it’s a human being well formed, this one-day-dough go to the city, hoping to be eaten by someone.

Refused bread

Refused bread, the imperfect dough, most of the time would come back here. First just to find some peace with dad and mum, then to start a new job as a cashier, waiting for the hair turning grey. And with the secret hope to make a great dough, a bread good enough to be eaten by the ravenous mouths of the city.

The bicycle run fast through the streets, disappears, then appears again. A lighthouse over a quiet sea, it flashes reflecting the sun.

Just an humble hat

My head doesn’t know where to turn anymore, all sweat at it is. The sweat is the worst enemy for us, hats. It let us slip down, and we start being annoying. But wait a bit of wind and rain and you’ll start loving me again, you big head!

Few days passed and this bicycle run fast through the streets, leaving behind this elephantine man asking himself

Where would she have been?

Something isn’t right, anyways. If at the beginning finding her was quite simple, now she’s just a shadow which appears and disappears as a dream. A nightmare, frankly. A nightmare willing to wake up this guy, which miss his grandma, or the shadow of his mum, to switch on the light and make all those scary shape worthless.

He needs to find that woman, but she’s not what he’s really searching for. He doesn’t really care about her, what he needs is to put his hands on the soul. That’s all that matters. He wants to take that soul in his hands again and laugh, finally. Just laugh with his white soul.

Ah, ah!

The laugh leaves the lungs and passes through the vocal cords, modulated by the humid tongue and the dry lips. It’s too late to understand that he’s not alone with his thoughts. The old people around start glancing at him as he was a strange fool thing. Then they seem to realise it’s a huge fool strange thing, with muscles and all so they keep going with their conversation leaving the craziness to the craziness.

Alone, again

A new idea comes now to his mind. I feel the idea passing from one ear to the other. The pupils dilate, the fingers rub the lips and from there goes straight to the forehead. Sure!

Why wasting time trying to catch her? If she’s escaping, there would be a reason, no? And if someone will catch her before him? Or worst, someone will alert her every time he will be there around, like that time at the hotel? The best thing to do now it’s following her, but not too close.

It’s difficult to disappear

We have to take into consideration that it’s really difficult to disappear, when you are so big. Long steps pass through the streets inflating the shadows of the sun. Some pigeons happily coo swelling up as well as the shadows, some leaves leave a tree to try their luck in the street.

The bicycle_the trap
La trappola funziona_ the trap

The steps now are firm, secure, you can see he has a plan in mind. Why he didn’t think about that before!? Why trying to stop that bicycle all these days, when the best move from the beginning would be finding a small house with a blue bicycle parked in front? Not all the houses are hidden behind a bicycle, after all.

Finally!

And, in fact, the bicycle is there. A small building with the colour of the palm of a hand, where someone has drawn a brown door and two green windows. He just needs to park here in front and wait. So clever, he understood everything so quick, just three days. Oh, but with a head like that! We hats can recognize when someone is clever.

This story will be published once per week only, with all rights reserved for the story and its translations by Flyingstories.org and in the person of Daniele Frau.

All the graphics are handmade and designed with different techniques by Gabriele Manca, DMQ productions, who reserves all rights. 

All English articles published in Souls (alive) proofread by Elisabeth Corcoran

La trappola_the trap

La trappola funziona

— Leggi il Primo Capitolo–

— Leggi il Secondo Capitolo–

— Leggi la puntata precedente–

— Read in English —

La bicicletta

Eppure era qua giusto qualche minuto fa. Poi, quella sagoma di donna ha inforcato una bicicletta. Non sono poi così semplici da seguire, quelle ruote. Non è come per le macchine, farcite come sono di tutto quel rosso, giallo e verde.

Due ruote sospese

La bicicletta è puro movimento, un’ombra sospesa su due bocche rotonde che si cibano di asfalto, per poi sgommare e lanciarsi feline dai e sui marciapiedi. Blu e nera, è anche difficile da individuare, in una cittadina tutta ingrigita dalla fuga verso la città. Non che manchino gli abitanti, solo sono anch’essi ingrigiti. Anzi, imbiancati, come punte di montagna.

Barbe che indicano

Gli unici aiuti vengono dunque dalle barbe bianche degli anziani, che fanno risaltare la canna blu scuro. E indicano, anche. Si, gli anziani hanno i capelli bianchi, parole lente, sputano per terra e indicano. Non tutti sanno indicare come gli anziani. Ho visto giovani tentare di indicare e finire con il fare a pugni.

Un tempo, al mercato

Ma lì era il mercato, tutta un’altra cosa. Al mercato non si va poi tanto per il sottile. Ci si lascia andare alle urla, a chi vende di più, a chi vende a meno, a chi non vende e basta. Uno scrosciare balbuziente di rottami, frutta e jeans che viene interrotto solo dalla pioggia. Quando piove, tutti sotto gli ombrelloni a fumare il calumet della pace. Una bella sigaretta e via, il sole spunta, tutti fuori come lumache senza guscio.

Al sole!

Qui però non piove di certo, c’è un gran sole che scodinzola e abbaia tra le siepi, miagola sui tetti e inciampa su un pallone nei cortili. C’è vita, insomma. Quel respirare e morire circolare che tanto hanno in odio gli uffici per suicidi, qui mai davvero popolari. Questo è il luogo in cui tutti i militari, i custodi, gli operai hanno origine.

La pasta umana

Qui si forma la pasta per il pane, che verrà poi messa in un grande forno. Non appena trasformata in esseri umani, questi vivranno nella speranza di essere mangiati fino al midollo. Quelli che saranno rifiutati, spesso torneranno qui a leccarsi le ferite, a trovare mamma e papà, a lavorare in qualche piccolo market con i capelli grigi. E a creare dell’altra pasta da essere mangiata dalle mura fameliche della città.

La bicicletta, ancora

La bici cammina veloce, sparisce, poi riappare. Ecco che sparisce di nuovo. Un faro che sovrasta un mare calmo, lo illumina come una saetta riflettendo il sole.

Un umile cappello

La mia testa non sa più da che parte girarsi, tutta sudata com’è. Il sudore è davvero un pessimo alleato per noi cappelli. Ci fa scivolare, ci rende fastidiosi. Ma aspetta un po’ di vento o di pioggia e riprenderai ad amarmi, testolina che non sei altro!

Sono giorni ormai che questa bicicletta sfreccia veloce tra le vie, lasciando quest’uomo dalla stazza elefantina fermo alle colonne d’Ercole del paese a chiedersi

Dove sarà mai finita

La bicicletta_ la trappola
La trappola funziona_ the trap

Qualcosa non sembra quadrare, comunque. Prima era così semplice trovarla, mentre ora sfreccia veloce, sparisce dietro gli angoli, diventa un sogno. Un incubo in bicicletta che tiene sveglio quest’uomo, questo ragazzo, questo bambino che stringe forte la coperta dei ricordi a sé. Vorrebbe sua nonna, ma non c’è più, o un’ombra di madre cui aggrapparsi, per dar luce a quelle ombre oscure che si muovono e sghignazzano nel buio.

Quella donna!

No, ora in verità vuole solo quella donna, ma non per possederla. Ha bisogno di capire dove tiene la sua anima, dove ha deciso di portarla. Non gli servono perché, vuole solo perdere questa rabbia cieca, stringere tra le mani quell’anima così leggera. Ridere, finalmente. Ridere!

Ah, ah!

La risata esce dai polmoni, si accorda sulle corde vocali e viene modulata dalla lingua umida e dalle labbra. Solo a quel punto il ragazzo si accorge di non essere solo con i suoi pensieri, ma di averli esternati ai pensionati là intorno. Ora tutti lo guardano, strano oggetto, pazzo oggetto, buffo oggetto. Poi pazzo, enorme, buffo oggetto, che incute timore e che lascia nell’indifferenza occhi e braccia e nasi e baffi quando il ragazzo gira lo sguardo.

Di nuovo solo

Poi, un’idea gli balena feroce come un ghepardo tra le orecchie. La sento, questa idea, perché le pupille si dilatano, le mani si strofinano sulle labbra e grattano la fronte. Ma certo!

Idea

Perché acciuffarla? Se sta fuggendo, ci sarà una ragione. Se dovesse trovarla ancora, poi qualcuno potrebbe avvisarla, come qualche sera prima. E se quel qualcuno volesse rubarle l’anima? Meglio essere pronti a tutto, meglio seguirla da lontano e non farsi vedere.

Sparire

Quanto è difficile sparire però, quando si ha una mole così, un corpo massiccio, passi larghi che passano tra le vie del borgo vecchio gonfiando l’ombra del sole. Qualche piccione tuba allegro e si gonfia anche lui, due o tre foglie scivolano via dai rami per cercare fortuna altrove.

Il passo si è fatto sicuro, ora ha decisamente un piano. Come non averci pensato prima! Perché cercare di fermare quella bicicletta, quando sarebbe stato più semplice fin dall’inizio cercare una piccola casa con una bici blu parcheggiata? Non tutte le case si nascondono dietro una bicicletta, in fin dei conti.

Trovata!

E infatti, eccola là. Un piccolo edificio color palmo della mano, su cui qualcuno ha disegnato una porta marron scuro e due finestre verdi. Parcheggiata davanti, all’ombra di un alberello adolescente, la bicicletta blu e nera lancia chiari segnali di luce. Non resta che prendere la macchina e parcheggiarsi qui di fronte. Quanto è intelligente questo ragazzo, gli ci è voluto davvero poco. Eh, ma con una testa così. Noi cappelli non ci sbagliamo mai.

— E la prossima settimana… La biblioteca! —

La storia avrà pubblicazione a cadenza settimanale. Tutti i diritti sulla storia sono riservati da Flyingstories.org e nella persona di Daniele Frau.

Tutte le grafiche sono eseguite a mano e in stili misti dall’artista Gabriele Manca, DMQ productions, che detiene i diritti sulle opere.

Le anime (vive) 800x800 DMQ Productions

Almas (Vivientes)

–Read in English–

–Leggi in italiano–

Sinopsis

En un mundo no tan diferente del que estáis acostumbrados a ver en un día de sol(o nublado) desde vuestras propias ventanas, en una grande ciudad o en el campo, una realidad no tan diferente de la donde soléis mojar vuestras galletas en la leche o tomar litros y litros de café caliente para quedaros despiertos.

Nada de lo que contaremos debería de sorprenderos, ni siquiera la diferencia aparente del no querer morir, sino querer enviar sus propias almas a un curador, alguien que pueda apreciar su claridad y su fuerza pos-mortem.

¿Que?

Almas

No una función celeste una clave de acceso hacia una escalera mecánica encendida rumbo al cielo.

No podría ser siquiera un primitivo modus vivendi que se suele celebrar como el milagro de la vida después de la muerte. Lo desconocido es como Marte y la Tierra. Obviamente, seria mejor un pequeño planeta conocido, pero porque no soñar con bolar de aire en galaxias lejanas?

En realidad todo es sumamente concreto. De esta forma, el alma empieza a ser sustancial, real, podríamos incluso decir material. Al ser material y real, se transforma en un objeto, intercambiable, y porque no, vendible?

¿Quien?

El vendedor de almas

Para suplir a dicha necesidad llega S. Podéis llamarlo como queráis, porque en realidad, toda la locura que se esconde detrás de la elección de un nombre para un pobre personaje, no tiene mucha importancia en este mundo marcado por unos soles que suben al cielo y desaparecen cada día.

Como bien sabéis, el saber vender es un don natural que hay que mejorar con técnicas especificas relleno de palabras inglesas. Entre estas, si quieres acertar, siempre elegirás la que produzca mas miedo. De modo que S. se transforma en un bróker de almas. Vendedor seria mucho mas simple, aunque en realidad no solamente es un vendedor. Sabe calibrar el valor real de las almas, pesa sus pros y contras en una escala cuantitativa y las revende sin remordimientos. S. tiene muchas calidades, pero una solo en común con los otros bróker de almas, no tiene alma.

El medico forense

Si, se sigue muriendo. La muerte, así como la vida no ha sido victima de mistificación, de modo que no hay salidas. Nacemos para crecer y apagarnos. M. es una mujer algo mas de la madurez, aun lo suficientemente joven para ir al gimnasio y atraer las miradas de algunas caras incautas pero a la vez bastante grande como para haber vivido un horrible divorcio. Su confianza hacia los hombres es la misma de la de un árbol hacia un leñador. De modo que, tras abandonar una exaltante carrera, el destino quiso que esta mujer de ciencia se dejara atraer hacia el interior.

Para los que tengan una cultura metropolitana, el interior puede parecer como un bucólico receptáculo de besos y amores, sueños de verano y estrellas fugaces. Puede que sea esto también, pero primero es desempleo, abandono, casa sin terminar y personajes típicos que van dando vueltas con unas cervezas de mas en el cuerpo. En este contexto, la gente suele morir menos, sin el estrés de la ciudad, pero sigue muriendo igual. Los muertos, no muchos y sin almas, es lo que atrajo a M.

Como se encontraran

Las dos historias son paralelas, aunque los personajes tienen características en común. Podríamos decir casi complementarias. S. en búsqueda constante de nuevas almas y M. esperando no encontrarlas nunca. Los dos se enfrentaran el uno al otro cuando, por diferentes razones necesitaran ayuda mutua en un viaje con rumbo al mundo y sus rarezas.

Ah, casi se me olvida presentarme. Yo soy el narrador, un humilde par de zapatos.

La historia será publicada una vez por semana, con todos sus derechosreservados por Flyingstories y sus derechos de traducciòn reservados en las personas de Daniele Frau y Federico Majeron.

Todos los dibujos están hechos a mano con diferentes técnicas por el artista Gabriele Manca, DMQ productions.

La costruzione della storia

La costruzione della storia

La costruzione della storia

La lingua come una storia

La lingua straniera deve essere vista come una sorta di storia in divenire. Come detto nell’articolo sul metodo di apprendimento (o di insegnamento, dipende dal punto di vista), la lingua è una storia a sé, è cultura e colore, forma complicata di pensieri inanimati. In poche parole, la lingua è vita. La vita è una storia complicata, di cui pochi conoscono il senso, ma di cui alla fine noi tutti non possiamo fare a meno. Certo, possiamo fare a meno di una lingua, in qualche caso. Ad esempio con il nostro cane. Ma metterei una telecamera in casa vostra per vedere se davvero riuscite a non parlare a quell’adorabile palla di pelo (corto o lungo che sia). Dunque, una storia. Dobbiamo decidere dal principio come scrivere la nostra storia, con un inizio, un colpo di scena, un po’ di amore e un finale soddisfacente. Magari un sequel.

Un inizio