Category ArchiveLingue

Imparare le parole

Imparare le parole

Imparare le parole

Vediamo dunque come imparare le parole. So benissimo che ci sono centinaia di applicazioni per studiare nuove parole in una lingua straniera. Su tutte l’applicazione più utile a mio parere è Duolingo. Gratuita, semplice da usare e fornisce un bagaglio di parole nuove incredibile. Contro? A volte si possono trovare degli errori e altre volte è un po’ troppo “fiscale” nella soluzione alle domande. Anche mettendo tutto questo in conto, è una bella applicazione per migliorare il proprio vocabolario. 

Mattoni di parole?

La costruzione della storia

La costruzione della storia

La costruzione della storia

La lingua come una storia

La lingua straniera deve essere vista come una sorta di storia in divenire. Come detto nell’articolo sul metodo di apprendimento (o di insegnamento, dipende dal punto di vista), la lingua è una storia a sé, è cultura e colore, forma complicata di pensieri inanimati. In poche parole, la lingua è vita. La vita è una storia complicata, di cui pochi conoscono il senso, ma di cui alla fine noi tutti non possiamo fare a meno. Certo, possiamo fare a meno di una lingua, in qualche caso. Ad esempio con il nostro cane. Ma metterei una telecamera in casa vostra per vedere se davvero riuscite a non parlare a quell’adorabile palla di pelo (corto o lungo che sia). Dunque, una storia. Dobbiamo decidere dal principio come scrivere la nostra storia, con un inizio, un colpo di scena, un po’ di amore e un finale soddisfacente. Magari un sequel.

Un inizio

Lo spazio

Lo spazio

Lo spazio

Come disporre lo spazio di studio

Il primo passo per iniziare a studiare le lingue è creare un proprio spazio solo per le lingue. Chi ha bambini, fratellini piccoli o semplicemente un gatto cui piace dormire sul tavolo, dovrà fare il doppio lavoro di ordinare e disordinare lo spazio ogni volta. La storia della mia vita, pur senza gatti e bambini. Ma andiamo oltre. Chi ha dimestichezza con lo studio di qualsiasi altra materia, sia questa logica, matematica, disegno o medicina, sa già come predisporre il proprio spazio ideale. Oggi darò qualche consiglio su come costruire un semplice spazio per le lingue. La predisposizione è libera, ma da vero ossessionato per lo studio di lingue straniere vi darò qualche informazione in più. Spero (per voi).

Il quaderno

La mia generazione (30+) è nata ancora in un’epoca legata alla carta stampata, all’uso di quaderni sconsiderato e alla patologia conosciuta con il nome scientifico di:

“compro questo quaderno, tanto poi mi servirà”

il metodo sherlock holmes

Il metodo Sherlock Holmes

–continua dall’articolo precedente–

Sherlock Holmes

Un approccio deduttivo

I miei cuginetti imparano la lingua straniera molto presto, i suoni sono presentati come amici, la ripetizione è una filastrocca, la motivazione è portare in scena una piccola pièce teatrale e la grammatica? Già, la grammatica. Quella viene acquisita per uso, come un parlante nativo. Ci sarà tempo un giorno per capire la differenza tra un perfetto passato e un altro, ma per ora nella comunicazione di tutti i giorni creerebbe solo confusione.

Quale metodo per quali studenti?

Ciò che è cambiato poi è l’approccio ai vari studenti. Ricordo ancora quando una vecchia insegnante di francese voleva farci studiare la filastrocca di un piccolo anatroccolo che saltellava di fiore in fiore (gli anatroccoli saltellano? Domanda senza risposta). Filastrocca scritta da lei, per inciso.

Il metodo dei dinosauri

Evoluzione dell’insegnamento

–read in English– 

L’apprendimento

Il metodo classico

Il metodo nell’apprendere una lingua straniera è decisivo. Potrei snocciolarvi qualche nome a voi familiare quale Jespersen, Skinner o Chomsky. E’ più semplice vedere insieme i cambiamenti nell’insegnare quel mostro chiamato lingua straniera. Inizialmente  il sistema era molto rigido e figlio di norme altrettanto rigide. Queste erano dettate da un insegnante che intendeva farvi parlare come un libro. Con il risultato di non farvi parlare per nulla. Poi col tempo il metodo si è evoluto, ma l’idea era sempre quella di rinforzare la vostra innata capacità di pappagallismo.

Il pappagallismo

Il pappagallismo è un metodo che va ancora in voga

error: Content is protected !!